Marsiglia, colpi kalashnikov in banlieue Le Castellane: guerra tra bande VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 9 Febbraio 2015 11:38 | Ultimo aggiornamento: 9 Febbraio 2015 12:20
Marsiglia, colpi di kalashnikov in strada: chiusa banlieue Le Castellane

Marsiglia, colpi di kalashnikov in strada: chiusa banlieue Le Castellane

MARSIGLIA – Colpi di kalashnikov e uomini incappucciati per strada: torna l’incubo terrorismo in Francia, ma è “solo” guerra tra bande e l’obiettivo era il capo della Polizia (il ché circoscrive a livello locale l’attacco). A Marsiglia, nel Sud della Francia, un intero quartiere, la Castellane, è stato totalmente bloccato ed è tornato l’incubo terrorismo islamico, a poche settimane di distanza dalla strage di Charlie Hebdo e da quella del negozio kosher di Parigi. Diversi testimoni hanno parlato di uomini incappucciati che “sparano in aria” col kalashnikov. Ma dopo qualche minuto tutto è stato ridimensionato a una locale guerra tra bande, forse per il controllo della zona di spaccio . Secondo il giornale francese Le Provence l’obiettivo dell’attacco era il capo della Polizia. Ecco come Le Provence ha provato a raccontare quanto successo finora: “una quarantina di agenti si sono posizionati nella rotatoria del Grand Littoral di Marsiglia, dopo che diversi testimoni hanno allertato la polizia sulla presenza di uomini incappucciati che sparano in aria con i kalashnikov”.

Il personale e gli studenti di un “asilo nido del quartiere sono stati evacuati verso un edificio più sicuro”: lo scrive ancora La Provence, dopo i colpi di kalashnikov uditi a La Castellane, una delle zone più calde della banlieue di Marsiglia. Sul posto sono arrivate anche le teste di cuoio.


Tirs de Kalachnikov : forte tension cité de la… di LaProvence