YOUTUBE Milano: coppia aggredita, fermato colombiano. Carabinieri: “Ecco come l’abbiamo rintracciato”

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 marzo 2018 14:29 | Ultimo aggiornamento: 15 marzo 2018 14:29
Milano: coppia aggredita, fermato colombiano

Milano: coppia aggredita, fermato colombiano

MILANO – Un colombiano di 24 anni, Freilin David Lopez Villa, è stato fermato dai carabinieri per la rapina e la violenza sessuale avvenuta lunedì sera in via Chopin, nella periferia di Milano. 

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev pubblica una breve intervista a Maggiore dei Carabinieri della compagnia Milano porta Monforte De Angelis che spiega come sono riusciti a fermare lo stupratore.

Il 24enne colombiano ha agito minacciando con una pistola giocattolo. E’ quanto emerso dalle indagini che hanno portato all’individuazione dell’uomo ora sottoposto a fermo con un quadro indiziario che è stato definito dagli inquirenti “saldo”. Si tratta di un immigrato irregolare e senza fissa dimora che si aggirava spesso in zona ed era conosciuto già alle forze dell’ordine.

In passato qualche precedente per minaccia e detenzione di coltello, ma soprattutto una rete di relazioni che è stata utile agli investigatori per il riconoscimento. Dapprima si è partiti dall’analisi delle celle telefoniche agganciate dal cellulare rubato alla coppia (lei 19enne, lui 23enne): mentre prima risultava spento, poi il rapinatore lo ha accesso forse nel tentativo di resettarlo. Proprio in quell’istante il cerchio attorno all’area dove trovarlo si è stretto. A contribuire alle indagini è stata naturalmente la testimonianza delle vittime: i loro ricordi erano precisi relativamente all’abbigliamento del 24enne: un cappellino militare, una felpa con dettagli catarifrangenti e dei grossi anelli.

Decisivo poi il riconoscimento fotografico, che ha consentito ai carabinieri di andare a colpo sicuro: lo hanno trovato in un parchetto dietro l’ortomercato, seduto su una panchina. Non pensava di essere arrestato, tanto che al momento dell’arrivo dei militari si è dimostrato tranquillo e non ha opposto resistenza. L’auto rubata alla coppia è stata invece rintracciata in via Del Turchino, a poca distanza dal luogo del delitto, avvenuto nei pressi di via Chopin. Sia sull’auto che sui vestiti, che l’uomo ha lasciato a casa dei parenti dove è andato a dormire la sera dopo l’aggressione, saranno cercate tracce biologiche che suffragheranno le prove già raccolte.