Milano, incendio in discarica: rischi in tutta la città. Comune: “Se sentite odore meglio uscire poco”

di Maria Elena Perrero
Pubblicato il 17 ottobre 2018 16:27 | Ultimo aggiornamento: 17 ottobre 2018 17:57
Milano, incendio in discarica: rischi in tutta la città. Comune: "Nessun pericolo, ma se sentite odore non uscite"

Milano, incendio in discarica: rischi in tutta la città. Comune: “Nessun pericolo, ma se sentite odore non uscite” (Foto Ansa)

MILANO – A Milano il cielo grigio non è una novità, ma la puzza che si sente da domenica sera, 14 ottobre, in molte zone della città sì. E c’è chi si preoccupa, anche se l’Arpa Lombardia (l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente) e il Comune di Milano tranquillizzano.

Sui siti dei due enti i consigli riguardano i residenti della zona direttamente interessata dai roghi, ovvero Quarto Oggiaro-Bovisasca. Per chi abita lì il consiglio è di uscire il meno possibile, tenere le finestre delle case chiuse e non mangiare frutta o verdura coltivate in zona. Ma le preoccupazioni toccano anche gli altri abitanti di Milano.

“Per quanto riguarda l’odore che si sta diffondendo in molte aree della città per azione del vento e che potrebbe continuare anche nei prossimi giorni a causa del protrarsi delle operazioni di spegnimento, si precisa che non risultano al momento pericoli per la salute, ma permane, in via precauzionale, il consiglio per i residenti del quartiere di tenere finestre chiuse e non sostare a lungo all’aperto”, è scritto sul sito del Comune di Milano. “Lo stessa prescrizione è valida per tutte le aree di Milano interessate dagli odori, aree che possono mutare di volta in volta nel corso della giornata in base al cambiamento delle condizioni meteo e della direzione del vento”. 

Arpa precisa che l’odore viene percepito in aree diverse della città rispetto a martedì 16 ottobre a causa della variata direzione del vento, che proviene ora dai settori di nordest, e delle condizioni meteo non favorevoli alla dispersione. L’incendio è ancora in corso e solo giovedì 18 ottobre si avranno i risultati delle analisi relative alla presenza nell’aria di microinquinanti come le diossine. 

Bisognerà vedere come la situazione evolverà nei prossimi giorni: per il fine settimana è previsto bel tempo e temperature in aumento, condizioni che di certo spingeranno molti milanesi ad attività all’aria aperta. Da Arpa fanno sapere che il sole potrebbe favorire la dispersione degli inquinanti. Ma bisognerà vedere se si potrà davvero tornare alla vita normale come prima dei roghi, o quanto tempo ancora si dovrà aspettare. 

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev