Milano, pubblicità di oli per motori rimossa per strada: donna in lingerie è sessista VIDEO

di Fabiana De Giorgio
Pubblicato il 23 novembre 2018 9:53 | Ultimo aggiornamento: 23 novembre 2018 9:53
Milano, pubblicità sessista dà il via alla polemica per farlo rimuovere il VIDEO

Milano, pubblicità sessista dà il via alla polemica il VIDEO ( foto Ansa)

MILANO – Un olio per motori viene pubblicizzato su dei maxi cartelloni a Milano in viale Forlanini. Accanto al prodotto c’è una donna in lingerie in posa sensuale. Il cartellone verrà rimosso perché giudicato troppo sessista. La rimozione forse può essere indice di un cambio di tendenza: l’utilizzo del corpo della donna come strumento per vendere dei prodotti potrebbe non essere più così ben accetta come molti ancora pensano (e fanno).

A denunciare il cartellone è stata la pagina Facebook “La pubblicità sessista offende tutti”. Che, oltre a criticare la scelta dell’azienda napoletana di oli lubrificanti per auto scrive: “Complimenti al Comune di Milano: non dimentichiamo che aziende e pubblicitari possono fare questo perché c’è qualcuno che dà le concessioni”. Molti commenti al post fanno notare la contraddizione del Comune di Milano: già da alcuni anni è stato approvato un regolamento per bandire pubblicità volgari o offensive negli spazi pubblicitari del Comune. Invece questo è un caso ancora isolato.

Molti invitano a chiamare gli uffici di Palazzo Marino per protestare, e c’è anche chi si rivolge direttamente a Diana De Marchi, consigliera comunale del Pd e presidente della commissione Pari opportunità. Che era già intervenuta un anno fa per una pubblicità di un famoso brand di gioielli considerata offensiva e volgare nei confronti delle donne che risponde con queste parole: “Cerco di capire se questo spazio è del Comune: purtroppo possiamo intervenire solo in quel caso”.