Milano, rapina in metro: minacciano una ragazza con le forbici per rubarle il telefono VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 11 Giugno 2021 9:01 | Ultimo aggiornamento: 11 Giugno 2021 9:03
Milano, rapina in metro: minacciano una ragazza con le forbici per rubarle il telefono VIDEO

Milano, rapina in metro: minacciano una ragazza con le forbici per rubarle il telefono (Foto da video)

Tentativo di rapina nella metro di Milano. Siamo alla fermata Duomo e le immagini si riferiscono alla mattina del 9 giugno. In due hanno provato a rubare il telefono a una giovane peruviana. Per farlo, uno di loro l’ha anche minacciata con delle forbici.

Immediata la denuncia della ragazza, che si è rivolta agli agenti della polmetro. Incrociando le immagini delle telecamere con la descrizione della donna, la polizia è riuscita a identificare e bloccare i due ragazzi, uno, un 19enne di origini algerine, nel mezzanino della stazione Centrale, e l’altro, un 26enne di origini marocchine, in piazza Duca d’Aosta.

Milano: tentativo di rapina con le forbici in metro

Mercoledì 9 giugno, ore 12.30. Due ragazzi avvicinano una ragazza sulle scale della fermata Duomo della metro. La ragazza, una peruviana di 27 anni, sta salendo.

Un ragazzo la ferma e le prende il cellulare. Ma la ragazza non ci sta e reagisce. A quel punto arriva il complice, che brandisce delle forbici. L’uomo prima la minaccia, poi la spinge giù per le scale. Prima che i due scappassero, però, la 27enne è però riuscita a riprendersi il telefono.

La giovane peruviana fa arrestare i ladri

A quel punto la donna ferma una volante della Polizia, racconta agli agenti l’accaduto ed è decisiva per farli arrestare. Infatti la precisa descrizione dei due, unita alle immagini della telecamera di sicurezza della metro, ha aiutato a una rapida cattura dei malviventi. 

Il primo è stato fermato nel mezzanino della Stazione Centrale, mentre stava discutendo con un controllore perché non aveva il biglietto. Durante la perquisizione, i poliziotti hanno trovato le forbici. Ma non è stato un arresto tranquillo. Il ragazzo ha reagito e ha dato in escandescenza: spinte ai poliziotti prima e danni alla volante dopo. E’ stato quindi arrestato per rapina aggravata, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento dell’auto di servizio.

Gli agenti hanno trovato poco dopo, in piazza duca d’Aosta, il secondo ragazzo, un marocchino di 26 anni, mentre parlava con un gruppo di coetanei. Quando si è allontanato, lo hanno bloccato e arrestato. Entrambi i giovani, irregolari sul territorio italiano, sono stati riconosciuti dalla donna.

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev