Nasa, la passeggiata fuori dalla Stazione Spaziale Internazionale VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 Giugno 2020 16:31 | Ultimo aggiornamento: 17 Giugno 2020 16:47
iss-nasa

Nasa, la passeggiata fuori dalla Stazione Spaziale Internazionale

ROMA – Nasa, la passeggiata fuori dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Il video degli astronauti in missione sulla Iss, la Stazione Spaziale Internazionale, diffuso dalla Nasa e ripreso dall’Agnezia Vista. Il video è visible in fondo all’articolo.

La Stazione Spaziale Internazionale è in orbita terrestre bassa e serve alla ricerca scientifica.

La Stazione (chamata anche navicella), viene gestita come progetto congiunto da cinque diverse agenzie spaziali. 

Si tratta della statunitense Nasa, la russa Rka, l’europea Esa (con tutte le agenzie spaziali correlate tra cui quella italiana), la giapponese Jaxa e la canadese Csa-Asc.

La struttura, con i suoi oltre cento metri di intelaiatura, copre un’area maggiore di qualsiasi altra stazione spaziale precedente, tanto da renderla visibile dalla Terra a occhio nudo.

Iss, da quante sezioni è composta

Le sezioni di cui è composta la Iss sono gestite da centri di controllo missione a terra, resi operativi dalle agenzie spaziali che partecipano al progetto.

La navicella viaggia a una velocità media di 27600 km/h, completando 15,5 orbite al giorno e viene mantenuta in orbita a un’altitudine compresa tra 330 e 410 km dal livello del mare. 

Fin dal 2 novembre 2000 è abitata continuativamente da un equipaggio variabile tra 2 e 6 astronauti.

L’equipaggio, nel tempo è stato sostituito varie volte ed alcuni astronauti sono tornati più volte sulla Iss.

La costruzione della Iss è iniziata a partire dal 1998, ed era stato previsto il completamento entro il 2017.

La Iss dovrebbe restare in funzione fino al 2024, data prevista per il raggiungimento degli obiettivi scientifici, per poi essere smantellata, distrutta o riutilizzata parzialmente entro il 2028.

La Nasa ha però avviato un processo di privatizzazione che permetterà alla Iss di “sopravvivere” per altri anni.

Nasa e le altre agenzie: 100 miliardi di euro in 30 anni

La Iss ha un costo totale stimato dall’Esa in 100 miliardi di euro in 30 anni.

Il suo obiettivo, come è stato definito dalla Nasa, è quello di sviluppare e testare tecnologie per l‘esplorazione spaziale.

La Iss è nata inoltre con l’intento di sviluppare tecnologie in grado di mantenere in vita un equipaggio in missioni oltre l’orbita terrestre e acquisire esperienze operative per voli spaziali di lunga durata.

Tra gli altri obiettivi quello di servire come un laboratorio di ricerca in un ambiente di microgravità.

Gli equipaggi conducono esperimenti di biologia, chimica, medicina, fisiologia e fisica e compiono osservazioni astronomiche e meteorologiche.

La proprietà e l’utilizzo della stazione spaziale sono stabiliti in accordi intergovernativi che consentono alla Federazione russa di mantenere la piena proprietà dei suoi moduli.

Sojuz, navette Progress, Dragon, Cygnus e dal H-II Transfer Vehicle e fino al 2015 dall’ATV sono le navicelle che servono la Iss.

Al momento è stata visitata da 239 astronauti e cosmonauti provenienti da 19 paesi diversi (fonte: Wikipedia, Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev).