‘Ndrangheta, trovato e decifrato il “Codice di San Luca”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Gennaio 2015 21:23 | Ultimo aggiornamento: 20 Gennaio 2015 21:23

ROMA – Un documento eccezionale. Non usano mezzi termini gli investigatori che oggi 20 gennaio, nell’ambito di un’operazione anti ‘ndrangheta a Roma che si è conclusa con 31 arresti hanno messo le mani su quaderno di appunti.

Quaderno non qualsiasi, ovviamente. Dentro, infatti, ci sarebbe il cosiddetto “codice di San Luca”, quello che svela i meccanismi del  rito di affiliazione alle ‘ndrine. Una volta decifrato il tutto per gli investigatori sarà molto più facile capire e quindi agire contro la ‘ndrangheta.

Si tratta di una scoperta eccezionale anche perché non era neppure certa l’esistenza del codice. Una specie di “leggenda” che ora diventa realtà.

Nel corso dell’operazione sono stati poi sequestrati  600 chili di droga e alcune armi. Perquisizioni a raffica in diverse città fra cui anche Roma. Tra le varie società controllate spicca la  coop Edera, una delle aziende di Salvatore Buzzi, il braccio destro di Massimo Carminati.