Olimpiadi 2026 Milano-Cortina, Zaia vola a Tokyo e parla inglese davanti al Comitato olimpico VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 28 novembre 2018 15:51 | Ultimo aggiornamento: 28 novembre 2018 15:52
Luca Zaia Tokyo

Olimpiadi 2026 Milano-Cortina, Zaia vola a Tokyo e parla inglese davanti al Comitato olimpico

TOKYO – Il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, è intervenuto in inglese, oggi 28 novembre a Tokyo, all’assemblea dei Comitati olimpici del Cio. Zaia ha presentato e sostenuto la candidatura di Milano e Cortina alle Olimpiadi invernali del 2026 snocciolando cifre e dati con una pronuncia inglese un po’ maccheronica.

Salutando il Presidente del Cio Thomas Bach e i membri del Comitato Olimpiaco Internazionale, Zaia si è detto “molto lieto e orgoglioso di questa importante opportunità che ci viene offerta di fornire maggiori dettagli sul progetto olimpico e paralimpico di Milano-Cortina 2026″. “Questo – ha aggiunto – è un sogno che vogliamo trasformare in realtà, 70 anni dopo l’indimenticabile edizione di Cortina 1956, i primi Giochi olimpici mai ospitati in Italia. Il maestoso scenario delle Alpi e in particolare delle Dolomiti, patrimonio mondiale dell’Unesco, con la ricchezza culturale di Milano, saranno la forza per i Giochi 2026″.

Il governatore del Veneto ha ricordato che Cortina, la “Regina delle Dolomiti”, “è l’unica località italiana inclusa nel ‘Best of the Alps’, i 12 resort di montagna più belli delle Alpi. Con Milano, candidiamo le Dolomiti, uno degli hub sciistici più grandi ed efficienti del mondo, che accoglie in perfetto equilibrio tra ambiente e sviluppo”.

Zaia ha tenuto a sottolineare con forza che “questa candidatura parte dal basso. Di fronte a Voi c’è dunque tutta una comunità, che le Olimpiadi le ama e le vuole”.” Cortina e Milano – ha proseguito il Governatore del Veneto – daranno vita a un concetto innovativo di Giochi completamente in linea con le indicazioni del Comitato Olimpico Internazionale; la Sua agenda 2020, caro Presidente Bach, si trasformerà in realtà”.

Caratterizzando il Progetto italiano di Milano-Cortina, Zaia ha precisato che “nel costruire la nostra candidatura, siamo partiti dalle considerazioni e dalle indicazioni del Comitato Olimpico Internazionale: progetti a misura d’uomo, niente realizzazioni faraoniche, niente sprechi di denaro e di energie, niente cattedrali nel deserto che, finiti i giochi, rimangano inutilizzate. Per questi obbiettivi – ha fatto notare – è importante ricordarvi che Cortina ospiterà, 5 anni prima dei Giochi olimpici, i mondiali di Sci del 2021, per i quali sono già in corso importanti lavori di ammodernamento di piste, impianti e infrastrutture per 242 milioni di euro”.

“I giochi invernali per noi non sono affatto un problema, bensì una opportunità, e siamo orgogliosissimi di ospitarli – ha detto Zaia di fronte al Cio – e siamo pronti a dimostrare che questi Giochi Olimpici invernali saranno una grande, utile e rispettosa valorizzazione dello Sport, e della Comunità che li ospiterà.” “Attendiamo con ansia la vostra decisione – ha concluso il Presidente della Regione del Veneto rivolgendosi al Presidente Bach e ai membri del Cio – rispetto a una candidatura nella quale crediamo fortemente”.  

Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev pubblica il video di Zaia a Tokyo.