Peschiera del Garda, ristorante galleggiante alla deriva sul Mincio per il forte vento VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 maggio 2019 12:40 | Ultimo aggiornamento: 6 maggio 2019 12:42
peschiera del garda ristorante galleggiante

Peschiera del Garda, ristorante galleggiante alla deriva sul Mincio per il forte vento

ROMA – La barcaccia del ristorante di Peschiera del Garda, in provincia di Verona, rompe gli ormeggi e finisce alla deriva sul Mincio a causa del forte vento che ha colpito la zona nel weekend. Le squadre dei vigili del fuoco la raggiungono con un gommone ed effettuano il suo recupero (il video in fondo all’articolo). 

 E dalle 6.30 della mattina di domenica, a Pozzolo in provincia di Mantova, un giovane romeno risulta disperso nelle acque sempre del Mincio. I vigili del fuoco stanno intervenendo ancora con i sommozzatori, mentre è previsto il sorvolo della zona da parte di un elicottero. Il ragazzo, un romeno di 24 anni residente a Valeggio sul Mincio (Verona), era finito in acqua con l’auto su cui si trovava con altri quattro connazionali per ripararsi dal maltempo. Faceva parte di una comitiva di cinque amici, di cui tre fratelli, tutti residenti nel centro del veronese, che erano a pescare sulle rive del diversivo nel punto dove dal fiume Mincio si dirama il canale scolmatore che dopo alcuni chilometri tra le campagne attorno a Mantova finisce ancora nel Mincio.

L’auto è lentamente scivolata lungo la sponda ed è finita nel canale, inabissandosi. Era in sosta in un tratto leggermente in pendenza e forse, inavvertitamente, il conducente non aveva azionato il freno a mano. Tre occupanti sono riusciti a nuotare sino a riva e a dare l’allarme. Le loro grida sono state sentite da altri pescatori che hanno salvato la quarta persona finita in acqua, mentre non sono riusciti a far nulla per la quinta, uscita dall’auto ma presto sparita tra i flutti, travolta dalla corrente, prima che uno dei soccorritori potesse afferrarla.

Maltempo, fino a 67 centimetri di neve sulle Dolomiti

E il forte maltempo che ha colpito il Veneto ha fatto cadere, nelle ultime 24 ore, fino a 67 centimetri di neve fresca. Nell’area dolomitica della regione, le precipitazioni nevose sono state intense sull’Altopiano di Asiago (Vicenza), dove lo stato bianco in poche ore ha toccato i 65 centimetri, Misurina (Belluno) con 67 centimetri, Cortina con 54, Arabba con 52 e il Falzarego con 55. La neve ha fatto la sua comparsa anche nelle aree delle Prealpi bellunesi: 53 centimetri di neve fresca sul Nevegal, 47 in Alpago e sul Grappa, 16 in Pian del Cansiglio.

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev, Ansa