Putin a Roma con 30 auto di scorta: la “sfilata” al termine dell’incontro con Conte a Palazzo Chigi VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 5 luglio 2019 11:44 | Ultimo aggiornamento: 5 luglio 2019 11:49
putin palazzo chigi

Putin a Roma con 30 auto di scorta: la “sfilata” al termine dell’incontro con Conte a Palazzo Chigi

ROMA – Vladimir Putin è sbarcato a Roma giovedì 4 luglio ed è ripartito in tarda serata. Il presidente russo è stato scortato da un lunghissimo corteo di auto e furgoni (circa trenta). Corteo di auto che, come racconta l’Ansa, ha impiegato 2,30 per attraversare la centralissima (e grandissima) piazza Venezia.

Agenzia Vista di Alexander Jakhhagiev mostra le auto in sfilata dopo che Putin lascia Palazzo Chigi dove ha incontrato il premier Conte. 

Putin a Roma ha incontrato Sergio Mattarella al Quirinale, Papa Francesco, il premier Conte a Palazzo Chigi, poi ha cenato Villa Madama insieme ad una folta delgazione dei due paesi che comprendeva anche i due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini, il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi e il suo omologo russo Sergej Lavrov. Al termine, il presidente russo è andato allo scalo di Fiumicino per l’unico incontro non ufficiale: quello con il suo grande amico Silvio Berlusconi.

5 x 1000

Menù di pesce e tavoli dedicati all’arte italiana alla cena italo-russa a Villa Madama. “L’incontro tra il pescato e il crostacei con dadolata di mela verde e pesca” figura come antipasto. Come primo piatto sono servite mazzancolle con moscardini, gamberetti e scorfano mentre come secondo a tavola è arrivata una spigola agli agrumi accompagnata da un flan di verdure di campo. Come dessert il menù ha presentato fragoline di bosco con gelato alla vaniglia, prima del caffè finale. E ciascun tavolo presenta il nome di un grande pittore italiano: da Raffaello a Pinturicchio, da Tiziano a Leonardo fino a Caravaggio.

“Abbiamo confermato l’eccellente stato delle nostre relazioni bilaterali, nonostante il permanere delle condizioni che hanno condotto al deterioramento delle relazioni con l’Ue e quindi alle sanzioni. In un momento delicato per l’economia globale è di reciproco interesse” una buona relazione tra i due Paesi. Ha detto il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Palazzo Chigi.”Riteniamo che Mosca sia un attore ineludibile per individuare soluzioni nelle principali crisi regionali. Con Putin siamo d’accordo sul fatto che queste soluzioni, per essere sostenibili, devono essere politiche” ha affermato ancora Giuseppe Conte. 

Fonte: Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev, Ansa