Raggi: “Ricandidatura o Parlamento? Non penso alle poltrone, abbiamo ancora 2 anni di lavoro” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 giugno 2019 13:47 | Ultimo aggiornamento: 10 giugno 2019 13:48
raggi secondo mandato

Raggi: “Ricandidatura o Parlamento? Non penso alle poltrone, abbiamo ancora 2 anni di lavoro”

ROMA -“È un tema ricorrente. Ci sono ancora due anni importanti da qui alla fine del mandato. Noi continuiamo a lavorare senza continuare a pensare costantemente alle poltrone, che invece è un tema che appassiona molti”. Così la sindaca di Roma Virginia Raggi interpellata sulle due ipotesi, che lei si ricandidi in Campidoglio o corra per il Parlamento dopo la fine del mandato a Roma, in seguito al dibattito sull’abolizione del limite del secondo mandato nel M5S.

Entrata nella seconda metà del mandato, per la sindaca di Roma iniziano a sorgere curiosità in merito al futuro. Nel Movimento 5 Stelle esiste la regola del doppio mandato, secondo il quale la Raggi dovrebbe abbandonare l’attività politica, avendo già ricoperto il ruolo di consigliere comunale prima dell’elezione a prima cittadina. Tuttavia nelle ultime settimane si è appunto parlato della possibilità di interrompere questo vincolo all’interno del M5s. 

La sindaca di Roma ha parlato a margine della conferenza stampa in Campidoglio per la presentazione del primo bilancio partecipativo di Roma Capitale. La Raggi non ha nascosto una particolare soddisfazione per il risultato raggiunto: “Oggi abbiamo presentato il primo bilancio partecipativo di Roma Capitale esteso a tutta la cittadinanza – ha dichiarato a margine dell’incontro con i giornalisti – Sono 20 milioni che i cittadini potranno decidere come impiegare. Il tema è quello del decoro, quindi ragionare su rifacimento di parchi, strade, arredo urbano. Tutto ciò che riguarda il decoro viene messo a disposizione dei cittadini che potranno far sentire la loro voce e potranno scegliere come utilizzare una parte dei loro soldi”. 

5 x 1000

Fonte: Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev, Ansa