Rizzoli inquadrato si sistema i capelli durante Germania-Argentina VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Luglio 2014 0:07 | Ultimo aggiornamento: 14 Luglio 2014 0:14
Rizzoli inquadrato si sistema i capelli durante Germania-Argentina VIDEO

Foto Ansa

ROMA – A dispetto della casacca rosso fluo che lo rendeva appariscente, la conduzione di gara nella finale mondiale di Nicola Rizzoli e’ stata all’insegna del non protagonismo.

Deciso quando si e’ trattato di ammonire, l’arbitro italiano ha cercato di farsi vedere il meno possibile non spezzando le trame, ma non per questo tollerando il gioco duro. Ben distribuiti i cartellini gialli, quattro in totale, che lo hanno aiutato a tenere in pugno la gara.

Cosi’ come l’applicazione della regola del vantaggio. Una sola decisione controversa sul mancato secondo giallo ad Aguero reclamato dai tedeschi e che poteva starci ma che alla fine non ha inciso. All’ingresso in campo, le occhiaie sul volto dicono di una notte insonne, ma Nicola Rizzoli ha un approccio buono col match piu’ importante della sua carriera. Casacca rossa con riga nera verticale sul retro, fischia per la prima volta dopo due minuti: una punizione per fallo su Muller dai 25 metri. Sara’ uno dei pochi provvedimenti del primo tempo, in cui l’architetto di Bologna lascia molto giocare, aiutato anche dalla correttezza delle squadre.

Si nota poco l’arbitro bolognese, ma se c’e’ da alzare la voce non si tira indietro e allora ‘ringhia’ su Mascherano che protesta. Due le ammonizioni del primo tempo: tutte e due a carico di giocatori tedeschi. Al 29′ finisce sul taccuino Schweinsteiger per un tocco in corsa su Lavezzi da dietro. Il tedesco si mette le mani nei capelli ma la misura sembra ineccepibile. Al 33′ sanziona Howedes per un fallaccio a gamba alta che sa di arancione. Molto bene anche gli assistenti Faverani e Stefani, attenti nel chiamare il fuorigioco: vedono bene in occasione del gol di Higuain annullato al 30′.

E’ Stefani ad alzare la bandierina e la telecamera lo riprende un minuto dopo mentre si spiega con Messi. L’arbitro gestisce bene un accenno di protesta degli argentini che vorrebbero farsi giustizia con Muller: Rizzoli si sbraccia come a dire ‘ci penso io’. Giusto anche il fuorigioco fischiato a Muller sul palo di Howedes all’ultimo minuto del primo tempo.

Nel secondo tempo l’unico errore, ma veniale, quando fischia un fallo a Higuain che non c’e’ sull’ uscita alta di Neuer. Giusta l’ammonizione a Mascherano al 64′ per l’entrata in ritardo su Klose a meta’ campo e un minuto dopo quella data ad Aguero che entra male su Schurrle.

Esce Klose, e il tedesco della Lazio si congeda dal Mondiale andando a stringergli la mano. Nel secondo tempo supplementare Aguero rischia il secondo giallo saltando col pugno alzato in un contrasto con Schweinsteiger che sanguina. Potrebbe starci il secondo giallo, sarebbe espulsione, ma non incide sulla prestazione. Nella serata dei campioni, c’e’ posto anche per l’italiano Rizzoli.

Video Corriere della Sera.

.

Foto LaPresse.