Roma: detenuti tappano le buche. Grazie ai corsi di Autostrade a Rebibbia VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 gennaio 2019 13:46 | Ultimo aggiornamento: 29 gennaio 2019 15:41
roma detenuti rebibbia

Roma: detenuti tappano le buche. Grazie ai corsi di Autostrade a Rebibbia

ROMA  – Sono iniziati a a Roma, a Torre Spaccata, alla presenza della Sindaca Virginia Raggi e del Capo del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Francesco Basentini, i primi lavori di manutenzione dei detenuti asfaltatori di Rebibbia per le strade di Roma. 

Muniti di appositi canal-jet e sotto il controllo degli agenti di polizia penitenziaria, 30 detenuti accuratamente selezionati e formati da Autostrade per l’Italia, con tanto di attestato professionale per operare in qualità di asfaltatori e manutentori di strade, si sono ritrovati alle 9 in Via Mario Lizzani, angolo Via di Torre Spaccata. Venticinque gli interventi manutentivi previsti, con i quali saranno pulite le caditoie del tratto di strada in questione, fra Viale dei Romanisti e Via Luigi Ferretti, nel VI Municipio.

Si tratta del primo di dieci interventi di pubblica utilità che saranno svolti nell’ambito del protocollo d’intesa tra Roma Capitale, Dap e Società Autostrade, firmato il 7 agosto scorso con il nome “Mi riscatto per Roma”, allo scopo di promuovere e favorire i lavori di pubblica utilità previsti dall’art. 20 ter dell’Ordinamento Penitenziario. I successivi lavori saranno realizzati entro metà febbraio e riguarderanno altre strade di Torre Spaccata ed alcune in altri quartieri di Roma: Corviale, Quartaccio e Aurelio. Dopo il successo dell’esperimento romano, il modello è stato replicato dal Dap in altre città metropolitane, con la sottoscrizione di analoghi protocolli d’intesa.

Questo il commento della sindaca Virginia Raggi: “Oggi aggiungiamo un ulteriore tassello al progetto ‘Mi Riscatto per Roma’ dove i detenuti si impegnano e lavorano per la città e i suoi cittadini. Si tratta di una sfida che abbiamo voluto lanciare, un’iniziativa importante che sta ottenendo ottimi risultati. Da un lato diamo la possibilità ai detenuti di reinserirsi nella società, dall’altra diamo loro un’occasione per rendersi utili alla collettività”.

La concessionaria autostradale ha formato i detenuti per un periodo di tre mesi, fornendo l’equipaggiamento e la strumentazione necessaria per realizzare le attività su strada. Nelle prossime settimane sono previsti ulteriori interventi nei Municipi VI, XI XIII, dal Quartaccio all’Aurelio passando per Corviale. Queste le strade interessate: via Poggio Verde, via Giuseppe Partini, via Luigi Ferretti, viale dei Romanisti, via Vinovo, via del Quartaccio, via di Valle Aurelia.

La formazione ai detenuti per 100 ore procapite è stata assicurata presso la casa circondariale di Rebibbia. I tecnici di Autostrade per l’Italia e Pavimental hanno messo a disposizione macchinari e presìdi di sicurezza, come ad esempio attrezzature per la stesa a caldo del conglomerato bituminoso e traccialinee per la segnaletica orizzontale. Grazie a questi corsi, i detenuti hanno appreso le tecniche e le competenze necessarie per effettuare attività di manutenzione delle pavimentazioni, di ripasso della segnaletica orizzontale e di pulizia delle caditoie, oltre a nozioni fondamentali in termini di salute e sicurezza sul lavoro.

“Le squadre stanno lavorando molto bene – ha detto Francesco Delzio, direttore relazioni esterne, affari istituzionali di Autostrade per l’Italia Spa -. Si tratta di un’iniziativa dall’alto valore simbolico ma anche con una ricaduta positiva per la città. È un piccolo contributo operativo per una città molto grande e critica nei suoi problemi. Ma è un segnale che crea cemento sociale e dunque è un’operazione di cui siamo molto orgogliosi”.

Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev pubblica il video con i detenuti a lavoro.