Roma, l’albero di Natale “fa pietà”: il triste confronto con quello di Milano VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 dicembre 2016 19:13 | Ultimo aggiornamento: 12 dicembre 2016 19:13
Roma, l'albero di Natale fa pietà il triste confronto con quello di Milano3

Roma, l’albero di Natale fa pietà il triste confronto con quello di Milano

ROMA – Il sito Roma Fa Schifo pubblica sulla sua pagina Facebook una carrellata con gli alberi di Natale di alcune città italiane per dimostrare quanto sia povero quello di Roma. Ed effettivamente, vedendo le immagini, quello della Capitale ha veramente pochi addobbi. Scrive Roma Fa Schifoin un post dal titolo “perché l’albero di Roma fa pietà e quello di Milano è bellissimo?”

“Ieri il sindaco di Roma ha inaugurato uno degli alberi-di-Natale-di-Piazza-Venezia più insulsi, spelacchiati e tristi di sempre. Invece di sollecitare spirito festaiolo, la povera conifera – peraltro collocata in una vergognosa rotonda automobilistica: i 5 Stelle dovevano cambiare tutto dunque perché riconfermare la location? – fa venire solo una gran senso di depressione facendo passare la voglia di fare acquisti, compere e istigando a portare i propri soldi altrove. Buio, sciatto, male allestito, senza un’idea o uno spunto creativo, l’abete è comunque motivo d’orgoglio dell’amministrazione (questa foto orrida usata per il confronto non è stata divulgata dai poteri forti ma postata dalla simpatica Virginia Alemanno sul suo profilo)”.

“Perché “per realizzarlo abbiamo speso solo 15 mila euro”. Già, ma se il risultato che hai è un danno d’immagine, assolutamente controproducente, allora i 15 mila euro sono pure troppo, sono perfino soldi buttati: era meglio non far nulla. L’alternativa non è tra il fare le cose sprecando o il farle risparmiando; l’alternativa è piuttosto tra il fare le cose bene, sperando e auspicando che abbiano un ritorno in termini di immagine e quindi economico, e tra il farle male. Se si devono fare male è meglio non farle affatto; e il nostro albero di Natale è fatto male. Per carità, rispecchia le condizioni della città e in questo è sincero, ma resta comunque la totale inadeguatezza”.