Roma: a rischio scala mobile, chiusa anche metro Spagna. Tre stazioni fuori uso in centro VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 24 marzo 2019 21:00 | Ultimo aggiornamento: 24 marzo 2019 21:01
roma chiusa stazione spagna

Roma, a rischio scala mobile. Chiusa anche Spagna, 3 stazioni metro fuori uso

ROMA – A seguito della decisione dell’Autorità giudiziaria che ha disposto il sequestro della stazione Barberini, il responsabile di esercizio degli impianti di traslazione di Spagna ha deciso di inibire all’uso le scale mobili, che sono della stessa tipologia di quelle presenti a Barberini, al fine di svolgere ulteriori controlli. E con questa sono tre le stazioni della metro chiuse nel centro di Roma. 

Ciò ha reso necessario la chiusura della stazione, che non dispone di altre vie di accesso in banchina. Lo rende noto l’Atac, che “ha attivato i necessari servizi di sostituzione di superficie per limitare i disagi, per i quali l’azienda si scusa”.

Frattanto, a conclusione dell’iter istruttorio da tempo avviato a carico della ditta che ha gestito la manutenzione degli impianti, Atac ritiene che “sussistano gravi ed inconfutabili ragioni per la risoluzione del contratto, che verrà notificata a stretto giro al fornitore. L’azienda individuerà nel minor tempo possibile le soluzioni utili a garantire la riapertura delle stazioni e la continuità e il miglioramento delle attività manutentive”.

La decisione di questa ulteriore chiusura rilancia le critiche alla giunta Raggi. Stefano Pedica del Pd afferma: “”Blocco del traffico a Roma e tre fermate della metropolitana chiuse: una domenica a 5 stelle. Con Raggi il vento è davvero cambiato, è diventato un ciclone che sta devastando la città”.

“Dopo la chiusura delle stazioni Barberini e Spagna, che insieme a Repubblica non si sa per quanto tempo resteranno sbarrate, era proprio necessario bloccare il traffico? Non si poteva evitare di creare ulteriori disagi ai romani spostando una domenica ecologica che, a dirla tutta, nulla risolve sul fronte dell’inquinamento? Cara Raggi, oramai è tempo di fare le valigie. La Capitale ha già sopportato troppo”, conclude.

Fonte: Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev, Agi