La tradizione del “ratto della sposa” sbarca in Romania

Pubblicato il 3 settembre 2012 17:08 | Ultimo aggiornamento: 3 settembre 2012 17:38

[jwplayer config=”Blitz20120621″ mediaid=”1334448″]

RomaniaBUCAREST (ROMANIA) – Se andate a un matrimonio in Romania, non stupitevi se a un certo punto la sposa scompare davanti agli occhi degli invitati, viene rapita da amici e parenti, e trascinata per le strade della città vestita di tutto punto. Si tratta del ratto della sposa, una tradizione a cui in Romania sembra difficile rinunciare, almeno quanto in Italia mai si rinuncia al lancio del bouquet. A Bucarest questa tradizione, originaria delle regioni più remote dei Balcani, sta diventando sempre più una consuetudine.

Sabato 8 settembre è infatti, il giorno preferito per i ‘rapimenti’. La sposa viene trascinata in un luogo pubblico frequentato dove si balla, si gioca e si scattano fotografie. Lo sposo, per riavere la sua amata, dovrà regalare agli amici qualche bottiglia di whisky o, a scelta, dovrà fare una romantica dichiarazione d’amore in pubblico. Sabato scorso circa venti spose sono stati tenute in ostaggio presso l’Arco di Trionfo. Alcune venivano anche da fuori città.