Salvini interrotto da contestatori con fischietti: “Prendetevi 10 migranti” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 febbraio 2019 14:23 | Ultimo aggiornamento: 19 febbraio 2019 14:23
salvini contestatore sardegna

Salvini: “Interrotto da contestatori con fischietti”. Lui: “Prendetevi 10 migranti”

SASSARI – Salvini parla a Sassari ad un comizio e viene interrotto da alcuni contestatori con fischietti: “Prendetevi 10 migranti”risponde il leader della Lega. Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev pubblica il filmato in fondo all’articolo.

Matteo Salvini è intervenuto per sostenere il candidato presidente della Regione per il centrodestra, Christian Solinas. Alla folla festante ha dichiarato: “Io sono felice di sedermi al tavolo con i pastori sardi, perché noi vogliamo trovare una soluzione. Mi auguro che ci potremmo alzare dal tavolo riconoscendo a ognuno ciò che è giusto”. 

Ad Alghero invece, il leader della Lega ha detto: “Non vedo l’ora che arrivi domenica per un voto di liberazione. Siamo pronti a governare da lunedì prossimo – dichiara – i primi storici consiglieri regionali della Lega saranno in ufficio per fare e non per dichiarare”.

Secondo il vicepremier, “la scelta sarà tra la Lega e la sinistra“. Poi ha sottolineato: “A oggi la metà dei sardi non ritiene di andare a votare e domenica starà a casa”. Il ministro dell’Interno ha arringato i leghisti isolani: “Capisco la sfiducia e l’incazzatura, ma o adesso o mai più”, grida dal palco all’interno del mercato civico gremito di sostenitori.

“Chi sta a casa si ribecca Arru”, ha ironizzato il ministro dell’Interno, proseguendo la polemica a distanza con l’attuale assessore regionale della Sanità, “che ha chiuso gli ospedali sardi”, ha insistito Salvini. Arru, dal canto suo, ha replicato al ministro: “Tranquillizzo lo smemorato ministro che non voglio sostituire i sardi con immigrati, che in Sardegna sono il 3% mentre in Lombardia sono oltre l’11% della popolazione. Le prediche il Ministro le faccia agli altri non ai sardi”. Arru ha poi aggiunto che in Sardegna non è stato chiuso nemmeno un ospedale, cosa avvenuta invece in Lombardia dove governa la Lega.