Salvini torna alla carica su Fazio: “Guadagna in un mese quanto io in un anno”

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 gennaio 2019 9:55 | Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2019 12:07
Salvini torna alla carica su Fazio: "Guadagna in un mese quanto io in un anno"

Salvini torna alla carica su Fazio: “Guadagna in un mese quanto io in un anno”

ROMA – “Fabio Fazio guadagna in un mese quanto io guadagno in un anno”. Così Matteo Salvini è tornato all’attacco del conduttore di Che Tempo che Fa. In una diretta Facebook dalla Magliana il vicepremier e ministro dell’Interno è tornato alla carica sulla questione del compenso al giornalista, già sollevata non più tardi di un mese fa da Luigi Di Maio che in Commissione Vigilanza lo definì “un caso”.

“Fazio mi è simpatico – premette Salvini –  Probabilmente guadagna in un mese quello che il ministro guadagna in un anno, per andare in tv a fare lo show mentre io mi occupo della sicurezza dei cittadini. Ma non farei mai cambio per nulla al mondo”. “Sono felice del sostegno che ottengo – ha aggiunto – Non mi interessano i quattrini, né gli show in tv, ma pretendo rispetto”.

Del resto, anche Maurizio Crozza, in una sua famosa copertina aveva scherzato col conduttore. “Sei la Faz Tax”, gli aveva detto, ironizzando sul fatto che il taglio al suo stipendio fosse l’unico argomento che aveva messo d’accordo Salvini e Di Maio. Ora il leader della Lega torna ad agitare le acque, probabilmente in vista del prossimo 24 gennaio, quando si terrà il prossimo consiglio d’amministrazione Rai. Solo allora si conoscerà il destino di Fazio nell’era gialloverde. 

5 x 1000

Il commento di Salvini arriva tra l’altro nel pieno delle polemiche sulle parole pronunciate ieri da Claudio Baglioni nel corso della conferenza stampa del Festival di Sanremo. Il direttore artistico ha criticato la politica del governo in tema di emergenza migranti. E la risposta di Salvini non si è fatta attendere: prima, un “Canta che ti passa”, poi “Baglioni mi piace quando canta, non quando parla di immigrazione. I cantanti cantano, i ministri parlano”.

Fonte video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev