Salvini indagato per i voli di Stato: “Colleziono processi come le figurine” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 Febbraio 2020 19:18 | Ultimo aggiornamento: 19 Febbraio 2020 19:24
salvini processo voli di stato

Salvini indagato per i voli di Stato: “Colleziono processi come figurine”

ROMA – Matteo Salvini è indagato per abuso d’ufficio a Roma. Il Ttribunale dei ministri ha aperto un procedimento contro di lui per l’utilizzo dei voli di Stato quando era ministro dell’interno.

A dare la notizia per primo oggi, mercoledì 19 febbraio, è il Fatto Quotidiano. Secondo il giornale, l’atto è stato depositato lo scorso 9 gennaio. Il collegio presieduto dal giudice Maurizio Silvestri ha inviato una richiesta di accesso alla documentazione ai vertici dei Vigili del fuoco e della Polizia per l’utilizzo dei loro velivoli. I viaggi su cui hanno effettuato controlli i magistrati sono in tutto 35.

Salvini, pur senza fare riferimento all’atto specifico, in giornata è tornato sull’argomento. L’ex vicepremier, in una diretta Facebook parla di una nuova indagine a suo carico, ossia quella sui voli di Stato.

Queste le parole di Salvini in diretta su Facebook: “Pare che mi stia arrivando un altro processo, questa volta per abuso d’ufficio. Sono tranquillo perché male non fare paura non avere, confido nel giudizio della magistratura che è al 90% sana”.

Il leader della Lega prosegue: “Li sto collezionando come le figurine Panini. Se pensano di fermarmi, mandando avanti un processo a settimana, hanno trovato il Matteo sbagliato e la Lega sbagliata”. Poi conclude rivolgendosi a chi lo segue durante la diretta: “Certo ho bisogno di voi. Se voi non mollate io non mollo”.

L’indagine a carico di Salvini arriva dopo quelle sui casi Diciotti, Gregoretti e Open Arms, tutte relative alla mancata autorizzazione per far sbarcare in Italia i migranti a bordo di queste tre imbarcazioni. In questo caso, i magistrati vogliono verificare se il leader leghista abbia utilizzato i voli di Stato non solo per la sua attività da ministro, ma anche per attività legate alla campagna elettorale e alla sua leadership nel partito del Carroccio.

A settembre la Corte dei Conti ha escluso l’ipotesi di un danno erariale, perché gli aerei di linea sarebbero costati di più alle tasche dei contribuenti. I fascicoli sono stati però passati alla Procura di Roma che ha iscritto Salvini nel registro degli indagati come “atto dovuto”. In quesrto caso, come prevede la legge, a valutare la vicenda sarà il Tribunale dei ministri.i vol

Fonte: FanPage, Ansa, Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev