Sicari a Roma, tariffe 2013-14: 25mila euro per uccidere, tutto compreso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Marzo 2015 16:30 | Ultimo aggiornamento: 5 Marzo 2015 18:15
Sicari a Roma, le tariffe: 25mila euro per uccidere, tutto compreso

Sicari a Roma, le tariffe: 25mila euro per uccidere, tutto compreso

ROMA – Venticinque mila euro per uccidere. Tremila per ferire, sparare alle gambe. Sono le tariffe, aggiornate al 2013/2014, dei sicari di Roma. Sono questi i costi dei regolamenti di conti nel mondo della malavita romana.

Giovedì mattina i carabinieri hanno portato sei persone in carcere accusate di avere a che fare con tre omicidi in particolare: quelli di Federico Di Meo, di Sesto Corvini e di Roberto Musci.

“La misura cautelare  – scrivono gli investigatori – si basa sui riscontri investigativi acquisiti sulle dichiarazioni auto e etero accusatorie rese ai pm da Giancarlo Orsini, pluripregiudicato 48enne, romano, che il 15 luglio 2014, fu arrestato dai carabinieri perché rItenuto responsabile dell’omicidio di Musci. Orsini – dicono ancora gli investigatori – ha avviato un percorso di collaborazione con la giustizia confessando di essere stato un killer di professione e accusandosi, fra l’altro, di avere partecipato ai sei efferati delitti contro la persona, e fornendo indicazioni sulle altre persone coinvolte nei gravi fatti di sangue che sono state oggetto di approfonditi riscontri a cura della polizia giudiziaria”.