Susanna Ceccardi, la sindaca pro legittima difesa e anti-immigrati entra nello staff di Salvini VIDEO

Pubblicato il 25 settembre 2018 17:23 | Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2018 17:24
Susanna Ceccardi sindaca Lega

Susanna Ceccardi, la sindaca pro legittima difesa e anti-immigrati entra nello staff di Salvini

ROMA – La sindaca di Càscina Susanna Ceccardi, ha fatto l’ingresso nello staff del Ministro dell’Interno Matteo Salvini. La Ceccardi è nota per le sue posizioni anti gay, anti immigrazione e per aver dichiarato di non voler celebrare le unioni civili. La sua elezione è avvenuta 19 giugno 2016. La studentessa allora 29enne, vinse contro il Pd per 101 voti il primo ballottaggio della storia di questo paesone di 45mila abitanti che si trova alle porte di Pisa. L’unico sindaco del Carroccio in Toscana, in una roccaforte storica della sinistra.

La “passionaria” leghista è entrata nello staff di Salvini per le sue posizioni su insicurezza e legittima difesa. La Ceccardi non ha intenzione di insegnare nulla a Salvini, ma “ci sono temi che i sindaci vedono prima”, come quello della sicurezza urbana, che viene affrontato seguendo il principio “prima gli italiani”.

Oggi l’Italia è un Paese che ha paura, soprattutto a causa dei migranti, perché “non si può negare che ci sia una correlazione tra l’immigrazione di massa e l’insicurezza, basta vedere la popolazione carceraria”. Per rendere più sicura la sua città, la sceriffa leghista ha fatto chiudere un centro di accoglienza  che dava problemi. Secondo la sindaca l’allarme immigrazione deve essere affrontato con le strutture giuste, “centri di detenzione dove non si esce finché non si viene rimpatriati”.

Per quanto riguarda la legittima difesa, la Ceccardi ricorda che nel contratto di governo c’è la stesura di una nuova normativa, che permetterà ai cittadini di difendersi “nei confronti di chi viene in casa nostra per compiere reati”. È un atto dovuto, a detta del sindaco.

Cosa scrive di lei Salvini.

“C’è una bella differenza tra gli amministratori leghisti e tutti gli altri. A Cascina, Pisa, con la nostra Susanna Ceccardi i contributi affitti premiano (finalmente) gli italiani. Mentre a Lodi la nostra Sara Casanova chiede una certificazione del patrimonio a chi chiede agevolazioni per i servizi scolastici”. Così, in una nota, il segretario leghista Matteo Salvini che aggiunge: “Sono orgoglioso dei nostri sindaci, sperando di esportare la buona amministrazione leghista anche in Trentino Alto Adige il prossimo 21 ottobre: avevamo promesso “prima gli italiani”, regole e lotta ai furbetti. Dalle parole ai fatti!”

Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev pubblica un servizio sulla Ceccardi realizzato da Italia 7.