Trapani, unabomber arrestato per una pen drive esplosiva: è un ingegnere VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 maggio 2019 12:54 | Ultimo aggiornamento: 21 maggio 2019 12:58
Trapani, unabomber arrestato per una pen drive esplosiva: è un ingegnere

Trapani, unabomber arrestato per una pen drive esplosiva: è un ingegnere

ROMA – E’ un ingegnere informatico di Palermo, Roberto Sparacio di 51 anni, l’unabomber arrestato dalla polizia, con l’accusa di aver confezionato una pen drive esplosiva, che, l’8 ottobre scorso ferì gravemente ad una mano l’ispettore superiore della sezione di pg della polizia presso la Procura di Trapani Gianni Aceto.

Il dispositivo fu recapitato nel settembre 2016 ad un avvocato civilista, Monica Maragno, all’interno di una busta con il falso logo dell’ordine degli avvocati. Il legale, insospettitosi, consegnò la busta all’Ordine professionale che, a sua volta, lo recapitò in Procura. L’ispettore Aceto, rimase ferito quando, su delega del pm, introdusse la pen drive in un pc della sezione di pg per visionarne il contenuto. L’arresto di Sparacio è stato eseguito in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere del gip di Trapani.

Secondo l’accusa l’ingegnere informatico – che collaborava con un docente della facoltà di ingegneria dell’università di Palermo, pur senza un formale contratto – avrebbe agito nel tentativo di impedire che i creditori aggredissero il patrimonio della sua famiglia, debitrice di ingenti somme di denaro. La pen drive infatti fu recapitata al legale alla vigilia di un’udienza di una causa civile scaturita dalla denuncia di un gruppo di creditori. Nel corso delle indagini, – la polizia si è avvalsa di un agente sotto copertura – è emerso che l’ingegnere avrebbe confezionato un’altra altra pen drive esplosiva, destinata ad una persona che aveva acquistato all’asta un immobile appartenuto alla sua famiglia. 

5 x 1000

Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev, Ansa