Truffa Carige, Berneschi e Menconi su soldi in Svizzera: “Quelle ragazze lassù”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Maggio 2014 14:50 | Ultimo aggiornamento: 23 Maggio 2014 17:01
Truffa Carige, Berneschi e Menconi su soldi in Svizzera: "Quelle ragazze lassù"

Giovanni Berneschi (Foto Ansa)

GENOVA – “Viaggi di piacere” per indicare i viaggi in Svizzera e “quelle ragazze lassù” per parlare dei conti. Queste le parole in codice usate da Giovanni Berneschi e Ferdinando Menconi per parlare dei presunti capitali scudati frutto, secondo gli inquirenti, della truffa ai danni della Banca Carige.

Berneschi, Menconi e gli altri arrestati usavano perifrasi e termini criptati per descrivere i viaggi in territorio elvetico nei discorsi intercettati dagli inquirenti:

MENCONI: “Va beh, poi quando è che pensi di cominciare a fare magari dei viaggi di piacere?”

BERNESCHI: “Io devo venire a vedere quelle ragazze su

M: “Si ma quando?”

B: “Eh allora io lunedì ti faccio il mio programmino”

M: “Va beh tieni presente che per esempio un avvocato commercialista loro.. è andato via.. andate lui girano il modo ma a me che cazzo vanno a fare in giro, eh ritorna mi pare il 4 … no, no aspetta … mi sbaglio perdonami, adesso lo guardo qua il bigliettino ritorna il 15 … 15 di ottobre”

B: “Ecco avevo bisogno di parlare con quel commercialista”

M: “eh allora fai in modo di … facciamo una cena … una cena da 15 – 16 – 17 quei giorni lì insomma”.