Vaccino, Salvini: “Gb inizia prima di noi. Ci dicevano che fuori da Ue si sarebbero rovinati, qualcosa non funziona” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 Dicembre 2020 15:55 | Ultimo aggiornamento: 2 Dicembre 2020 16:03
salvini parla in senato sui vaccini covid

Vaccino, Salvini: “Gb inizia prima di noi. Ci dicevano che fuori da Ue si sarebbero rovinati, qualcosa non funziona”

“Vaccino, Salvini: “In Gran Bretagna cominciano a vaccinare dalla prossima settimana, ci dicevano che l’uscita dall’Europa li avrebbe rovinati, qualcosa non funziona”.

Salvini parla così a Palazzo Madama, prendendo la parola dopo le dichiarazioni del ministro della Salute Roberto Speranza.

L’intervento del leader della Lega Matteo Salvini

L’intervento del leader della Lega avviene dopo che Speranza ha illustrato le nuove misure per fronteggiare l’emergenza Covid. E sul vaccino, Salvini attacca l’Europa:

“Sui vaccini in Gran Bretagna cominciano a vaccinare la settimana prossima, partono 2 mesi prima di noi. Quindi o hanno qualcosa di sbagliato a Londra o non funziona qualcosa a noi”.

“Ma l’Aifa ha convocato una riunione d’urgenza e apprendiamo che a Bruxelles è stata convocata il 29 dicembre. Hanno uno strano concetto di urgenza..”. 

Gb, agenzia controllo farmaci: “Nessuna scorciatoia sul vaccino” 

L’approvazione del vaccino anti Covid di Pfizer/Biontech da parte delle autorità britanniche è avvenuta nel rispetto delle più scrupolose verifiche scientifiche e “senza prendere scorciatoie”.

Lo ha detto in un briefing la dottoressa June Raine, numero uno dell’agenzia indipendente di controllo e regolazione dei farmaci (Mrha).

L’Mrha ha dato il via libera alla vaccinazione.

La Raine ha sottolinato che “la sicurezza collettiva viene sempre prima” di tutto. L’ok finale è arrivato solo dopo “la più rigorosa valutazione scientifica di ogni singolo dato” della sperimentazione del candidato vaccino in questione.

Raine ha spiegato che la Mhra ha condotto il suo iter di verifica parallelamente alla sperimentazione in corso ed ha assicurato che “questo non significa che sia stata presa alcuna scorciatoia”. 

La Raine ha aggiunto che il team della sua agenzia ha lavorato “24 ore su 24, mettendo metodicamente sul tavolo e analizzando ciascun dato” della sperimentazione per un totale di oltre 1000 pagine”.

“I protocolli relativi alle verifiche, ha proseguito durante un briefing tenuto a Downing Street, erano stati fissati da mesi “dai nostri clinici e scienziati” nel rispetto di “severe linee guida sulla sicurezza, l’efficacia e la qualità” dei prototipi, ha aggiunto Raine (fonte: Ansa, Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev).