Le autorità venezuelane arrestano cittadino Usa: “E’ un mercenario”

Pubblicato il 10 agosto 2012 16:32 | Ultimo aggiornamento: 10 agosto 2012 16:33
[jwplayer config=”Blitz20120621″ mediaid=”1321264″]
Hugo ChavezCARACAS (VENEZUELA)  – Le forze di sicurezza venezuelane hanno arrestato un cittadino statunitense sospettato di essere un mercenario coinvolto in un complotto per destabilizzare il Paese nel caso in cui il presidente Hugo Chavez dovesse vincere nuovamente le elezioni a ottobre. Ne ha dato notizia lo stesso Chavez nella notte, spiegando che l’uomo, di origine ispanica, è stato fermato il 4 agosto, mentre stava entrando in Venezuela dalla Colombia.
Il sospetto aveva con sé un passaporto degli Stati Uniti con timbri di entrata e uscita di diversi Paesi, come Iraq, Afghanistan e Libia, e un taccuino con annotate coordinate geografiche. Al momento dell’arresto l’uomo, la cui identità non è stata resa nota, ha strappato alcune pagine del bloc-notes.
“Ha tutta l’apparenza di essere un mercenario. Lo stiamo interrogando”, ha spiegato Chavez, durante un evento della campagna elettorale nello Stato di Vargas, senza però spiegare dove ora l’uomo sia detenuto o dove sia stato interrogato. Il presidente suppone che l’americano sia stato reclutato da oppositori del governo per istigare violente proteste nel caso in cui lui dovesse battere il leader dell’opposizione, Henrique Capriles, al voto del 7 ottobre. “Un gruppo di borghesi sta preparandosi a disconoscere il trionfo del popolo, è molto chiaro”, ha dichiarato il leader venezuelano davanti a una grande folla di sostenitori. I capi dell’opposizione, ha aggiunto, “proveranno a far cadere il Paese in una crisi politica e a scatenare le violenze. Chiedo a tutti di stare molto attenti”.
Secca la reazione dell’opposizione. “Respingiamo queste accuse”, ha dichiarato il deputato Pedro Pablo Alcantara, secondo cui “è lo stesso presidente a promuovere le violenze”. Tuttavia Alcantara non ha voluto rispondere alla domanda sulle affermazioni di Chavez, secondo cui l’opposizione non accetterebbe una sua vittoria, anche se le elezioni saranno corroborate da una verifica indipendente dei risultati elettorali. Chavez, eletto per la prima volta nel 1999, riuscì a tornare in carica dopo un tentativo di colpo di Stato che nell’aprile 2002 lo destituì per appena due giorni. Quindi ha vinto nuovamente le elezioni nel 2006.