VIDEO Aylan sepolto a Kobane. Zia che vive in Canada piange

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Settembre 2015 9:09 | Ultimo aggiornamento: 5 Settembre 2015 9:28
VIDEO Aylan sepolto a Kobane. Zia che  vive in Canada piange

La sorella di Abdullah vede la foto del nipote e piange

KOBANE (SIRIA) – Aylan, il bimbo siriano trovato senza vita sulla spiaggia di Bodrum in Turchia che è diventato simbolo della tragedia, è stato sepolto a Kobane.  Durante quella che è stata denominata la ‘cerimonia dei martiri’, sono stati seppelliti anche il fratellino del piccolo e la loro madre.

Dalla Turchia, il corpo di Aylan e dei suoi familiari è stato scortato da un lungo convoglio fino al confine con la Siria, a Suruc. Si è fermato a tre chilometri dal confine di Ayn al-Arab (a nord), per essere sostituito a un altro a Kobane formato dai parenti della famiglia, persone, e anche da alcuni deputati turchi dell’Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan e del filo-curdo Hdp tra cui Dilek Ocalan, la nipote del leader in prigione del Pkk.

Alla cerimonia funebre, grande la commozione del padre Abdullah Kurdi. Mentre i corpi venivano tumulati l’uno vicino all’altro nel cimitero non è riuscito a trattenere le lacrime. “Io voglio che i governi dei paesi arabi vedano cosa è successo ai miei figli – ha affermato il padre -. Tutta la mia famiglia non c’è più, loro sono martiri oggi, ma spero che qualcuno possa aiutare chi è ancora in difficoltà. E’ ora di dire basta a questa guerra che sconvolge la Siria”.

Abdullah è curdo e con la sua famiglia volevano raggiungere  il Canada dove vive la sorella. Il Paese aveva offerto asilo: “Mia sorella vive lì. Le autorità canadesi mi hanno chiamato per chiedermi se volevo seppellire mia moglie e i bambini in Canada, ma non ho accettato. Voglio seppellirli a Kobane, e passare lì il resto della mia vita”. In Canada la sorella di Abdullah, Tima, ha visto la foto ed è scoppiata a piangere. Insieme al padre li aveva aiutati a trovare il denaro per partire.