YOUTUBE Bancomat, i serbi che rubano i codici

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 giugno 2018 12:50 | Ultimo aggiornamento: 27 giugno 2018 13:20
Bancomat serbi rubano codici

Bancomat, i serbi che rubano i codici

PALERMO – Due cittadini serbi di 22 e 42 anni sono stati denunciati per aver manomesso alcuni bancomat nel centro di Palermo con lo scopo di rubare i codici delle carte.

I due sono stati denunciati dalla Polizia di Stato per falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni informatiche o telematiche. Per l’individuazione dei due autori delle manomissioni [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play], la Questura di Palermo ha creato una task force di esperti.

Dalle indagini è emerso come i due fossero riusciti ad alterare il funzionamento dei bancomat, attraverso l’uso di skimmer, sofisticati sistemi elettronici che, collocati come cloni nella parte anteriore del sistema erogatore di banconote e dotati di un sistema miniaturizzato di lettura del codice segreto, riescono a leggere la relativa sequenza, permettendo così il prelievo di denaro. Un vero e proprio censimento di tutte le apparecchiature erogatrici di denaro nel centro storico ha permesso di registrare la manomissione di un atm attraverso una memory card ed una micro telecamera con relativo circuito di acquisizione immagini. Un ulteriore dispositivo elettronico, perfettamente incastrato nella zona d’inserimento del bancomat, riusciva a leggere e memorizzare i dati delle carte bancomat inserite.

Attraverso le immagini delle telecamere di sorveglianza, è stato possibile studiare il flusso di utenti dello sportello bancomat e risalire ad uno dei due stranieri, sospettati della manomissione. Una perquisizione effettuata al domicilio palermitano dei due stranieri ha consentito di rinvenire e sequestrare elementi ritenuti utili ad integrare la tesi investigativa come denaro e gli indumenti usati dal serbo, all’atto della manomissione, così come inquadrato dalla telecamera. I poliziotti sono riusciti a risalire al domicilio palermitano dei due, una casa vacanze del centro storico, con notevole difficoltà, anche per la mancata registrazione dei due alloggiati da parte del gestore della struttura ricettiva. Per questo motivo, il titolare è stato deferito all’autorità giudiziaria. Sono in corso ulteriori indagini e verifiche.

Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev pubblica il video rilasciato dalla polizia.