YOUTUBE Di Maio: “Ok sostegno esterno Forza Italia, ma parliamo solo con Salvini”

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 aprile 2018 11:10 | Ultimo aggiornamento: 20 aprile 2018 11:10
Di Maio dopo incontro al Senato

Di Maio: “Ok sostegno esterno Forza Italia, ma parliamo solo con Salvini”

ROMA – Il leader M5s Luigi Di Maio parla a margine dell’incontro tra la delegazione grillina con la Presidente del Senato Elisabetta Casellati avvenuto in palazzo Giustiniani.

“Noi non potevamo impedire il sostegno di Forza Italia e Fratelli d’Italia, ma se sento che mi devo sedere ad un tavolo con tre forze politiche per concordare un programma di Governo che deve ispirare un Governo che viene dalle singole forze politiche della coalizione, voi capirete che per noi è molto complicato digerire questo scenario”. Agenzia Vista di Alexander Jakhnagiev pubblica le parole del leader M5s al termine dell’incontro.

Il M5s si è dunque presentato a palazzo Giustiniani portando al tavolo della trattativa una proposta in grado di far procedere le trattative: la disponibilità ad avviare un governo che abbia un appoggio esterno di Forza Italia e Fratelli d’Italia su un programma concordato tra Lega e 5 Stelle.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Sulla questione governo,  Giulia Grillo ne parla oggi ad Omnibus, su La7.

“Ieri abbiamo chiarito che non pretendevamo che la Lega facesse un parricidio – ha detto la capogruppo M5s alla Camera -, ma almeno che stringesse un armistizio con Fi per una fase durante la quale fosse contemplabile un accordo tra noi e la Lega”. “In politica quando si parla di appoggio esterno si parla di voti per la fiducia; invece per noi questi voti non sono necessari perché M5s e Lega in quanto a numeri sono autosufficientiNon si può insomma parlare di appoggio esterno ma, come diciamo noi, di “non ostilità” del M5s ad un appoggio” di Fi e Fdi ad un governo di programma tra M5s e Lega. Giulia Grillo ad Agorà su La7 ha ripetuto: “Non è un appoggio esterno, perché quello sarebbe un appoggio necessario a far partire un governo: mentre noi abbiamo comunque i numeri”.