Adolescenza e disagi nel nuovo film di Roberto Faenza

Pubblicato il 21 Febbraio 2012 14:59 | Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio 2012 15:01

BOLOGNA – Un film che, partendo dal disorientamento di un diciassettenne newyorkese, cerca di raccontare il disagio di oggi. Un personaggio, James, nel quale il regista, Roberto Faenza, finisce per identificarsi, tanto piu' ''in questo Paese dove prima eravamo governati da politici, e ve li raccomando; e ora siamo governati dagli strozzini e ve li raccomando anche loro''. E' stato presentato in anteprima a Bologna 'Un giorno questo dolore ti sara' utile', tratto dall'omonimo romanzo di Peter Cameron, in sala da venerdi'.

''Quello di Peter – ha detto Faenza al termine della proiezione parlando ai giornalisti e a quattro classi di liceali presenti in sala – e' un bellissimo romanzo, c'era il rischio di non esserne all'altezza. In piu' e' girato a New York dove ormai quasi nessuna produzione, anche americana, gira piu'''.

Cameron ha ammesso di essere rimasto stupito dal fatto che a 'girare' la sua storia sarebbe stato un italiano, perche' ''il libro e' forse il piu' americano e il piu' newyorkese dei miei romanzi. Poi pero' ho incontrato Roberto, la sua passione e il suo entusiasmo: questa prospettiva diversa e' stato un esercizio e un lavoro molto interessante''.

Il film, presente fuori concorso al Festival di Roma, e' stato prodotto da Elda Ferri per Jean Vigo Italia in co-produzione con gli Stati Uniti e in collaborazione con Rai Cinema. Sara' nelle sale del 24 febbraio.