Alain Delon: “Quando sarà, voglio che il mio cane muoia con me”

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 gennaio 2018 15:34 | Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2018 15:35
Alain-Delon.cane

Alain Delon: “Quando sarà, voglio che il mio cane muoia con me”

PARIGI – “Quando verrà la mia ora, voglio che il mio cane muoia con me”. E’ polemica in Francia per alcune dichiarazioni di Alain Delon, da sempre legatissimo ai suoi cani. Nel corso di una vita ne ha avuti una cinquantina, 35 dei quali sono oggi sepolti nella mansion di Douchy, nella Valle della Loira. L’ultimo amore a quattro zampe dell’attore, oggi 80enne, si chiama Loubo, un pastore belga di tre anni, che rischia però di non arrivare alla vecchiaia. Almeno stando a quanto riferito da Delon.

In un’intervista a Paris Match l’attore ha aperto al settimanale i cancelli della sua immensa tenuta e ha parlato del rapporto morboso che ha con quello che chiama il suo “cane di fine vita”. Non ce ne saranno altri dopo di lui, afferma: “Quello che so è che non lo lascerò mai solo. Se dovesse morire prima di me, cosa che spero, non ne prenderò più altri”. Ma in caso contrario, i suoi piani assumono una piega piuttosto macabra: “Se morirò io prima di lui, chiederò al veterinario di lasciarci andare insieme. Gli farà una iniezione letale in modo che se ne vada tra le mie braccia. Preferisco così piuttosto che sapere che morirà sulla mia tomba con tanta sofferenza”.

Sul caso è scoppiata una polemica furibonda, tra chi ha accusato Alain Delon di crudeltà verso gli animali e chi invece si lascia intenerire dal suo lato cinofilo. “Lo fa per compassione” scrive qualcuno. “E talmente megalomane che pensa che il suo cane si lascerà morire di tristezza per lui”. C’è pure chi invita Brigitte Bardot, nota animalista, ad intervenire: “Diresti una parola al tuo amico che vuole far sopprimere il suo cane per puro egoismo?” Mentre qualcun’altro scherza: “Ma se il suo cane dovesse morire prima di lui, si può sopprimere Alain Delon?