Anna Maria Ferrero è morta, lavorò con Lizzani e Antonioni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 maggio 2018 11:22 | Ultimo aggiornamento: 22 maggio 2018 11:22
Anna Maria Ferrero è morta, lavorò con Lizzani e Antonioni

Anna Maria Ferrero è morta, lavorò con Lizzani e Antonioni

ROMA – E’ morta l’attrice Anna Maria Ferrero [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play]. Aveva 84 anni. Anna Maria Ferrero è stata protagonista di tanti film diretti da Carlo Lizzani (come “L’oro di Roma”), Mario Monicelli, Vittorio De Sica, Michelangelo Antonioni.

Il suo esordio nel cinema fu casuale ed avvenne nel 1949 quando l’attore e regista Claudio Gora la notò mentre era a passeggio in via Aurora a Roma. La fermò e le propose un provino per Il cielo è rosso, film tratto da un romanzo di Giuseppe Berto. Il provino fu positivo e, appena quindicenne, la futura attrice venne scritturata.

“Scoprii – raccontò Gora – Anna Maria Ferrero per strada, in via Aurora a Roma, mentre camminava al fianco di una signora. Cercavo la ragazzina per il film e vidi questo scricciolo che aveva una tale intensità negli occhi (…) Fece un provino meraviglioso, era nata attrice”.

Attrice anche di teatro, ha più volte vestito i panni di Ophélie e Desdemona ed è stata un’indimenticabile Irma la Dolce.

La Ferrero era nata a Roma il 18 febbraio 1934, ed era stata dal ’53 al ’60 compagna di Vittorio Gassman, con cui aveva interpretato anche un Amleto per la Rai.  Nel 1962 si sposò con l’attore francese Jean Sorel e si ritirò dalle scene.

La filmografia:

  • Il cielo è rosso, regia di Claudio Gora (1950)
  • Domani è un altro giorno, regia di Léonide Moguy (1951)
  • Il Cristo proibito, regia di Curzio Malaparte (1951)
  • Lorenzaccio, regia di Raffaello Pacini (1951)
  • Le due verità, regia di Antonio Leonviola (1952)
  • Ragazze da marito, regia di Eduardo De Filippo (1952)
  • Lo sai che i papaveri, regia di Metz e Marchesi (1952)
  • La muta di Portici, non accreditata, regia di Giorgio Ansoldi (1952)
  • Fanciulle di lusso, regia di Bernard Vorhaus (1953)
  • Le infedeli, regia di Steno e Monicelli (1953)
  • Siamo tutti inquilini, regia di Mario Mattoli (1953)
  • Febbre di vivere, regia di Claudio Gora (1953)
  • I vinti, regia di Michelangelo Antonioni (1953)
  • Napoletani a Milano, regia di Eduardo De Filippo (1953)
  • Capitan Fantasma, non accreditata, regia di Primo Zeglio (1953)
  • Villa Borghese, episodio “Pi-greco”, regia di Gianni Franciolini e, non accreditato, Vittorio De Sica (1953)
  • Giuseppe Verdi, regia di Raffaello Matarazzo (1953)
  • Viva la rivista!, regia di Enzo Trapani (1953)
  • Il conte di Sant’Elmo, regia di Guido Brignone (1953)
  • Cronache di poveri amanti, regia di Carlo Lizzani (1954)
  • Canzoni di mezzo secolo, regia di Domenico Paolella (1954)
  • Guai ai vinti, regia di Raffaello Matarazzo (1954)
  • Una parigina a Roma, regia di Erich Kobler (1954)
  • Totò e Carolina, regia di Mario Monicelli (1955)
  • La vedova X, regia di Lewis Milestone (1955)
  • Amleto – film TV (1955)
  • Il falco d’oro, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1955)
  • Canzoni di tutta Italia, regia di Domenico Paolella (1955)
  • Guerra e pace, regia di King Vidor (1956)
  • La rivale, regia di Anton Giulio Majano (1956)
  • Suprema confessione, regia di Sergio Corbucci (1956)
  • Giovanni dalle Bande Nere, regia di Sergio Grieco (1956)
  • Cime tempestose – miniserie TV, 4 episodi (1956)
  • Kean – Genio e sregolatezza, regia di Vittorio Gassman e Francesco Rosi (1957)
  • Gli amanti del deserto, non accreditata, regia di Goffredo Alessandrini, Fernando Cerchio, León Klimovsky e Gianni Vernuccio (1957)
  • Capitan Fuoco, regia di Carlo Campogalliani (1958)
  • Questa mia donna – film TV (1958)
  • La notte brava, regia di Mauro Bolognini (1959)
  • Le sorprese dell’amore, regia di Luigi Comencini (1959)
  • L’impiegato, regia di Gianni Puccini (1960)
  • Il mattatore, regia di Dino Risi (1960)
  • Napoleone ad Austerlitz, regia di Abel Gance (1960)
  • Culpables, regia di Arturo Ruiz Castillo (1960)
  • I delfini, regia di Citto Maselli (1960)
  • Il gobbo, regia di Carlo Lizzani (1960)
  • Gastone, regia di Mario Bonnard (1960)
  • Capitan Fracassa, regia di Pierre Gaspard-Huit (1961)
  • Un giorno da leoni, regia di Nanni Loy (1961)
  • L’oro di Roma, regia di Carlo Lizzani (1961)
  • Una domenica d’estate, regia di Giulio Petroni (1962)
  • Le quattro giornate di Napoli, non accreditata, regia di Nanni Loy (1962)
  • Un marito in condominio, regia di Angelo Dorigo (1963)
  • Controsesso, episodio “Cocaina di domenica”, regia di Franco Rossi (1964)

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other