Batman Il ritorno, l’eroe triste dell’America di Occupy Wall Street

Pubblicato il 22 agosto 2012 14:31 | Ultimo aggiornamento: 22 agosto 2012 14:38

batmanROMA  – Gli speculatori in Borsa, il malcontento sociale, la paura del terrorismo: c’è tutta l’America del dopo 11 settembre, e non solo l’America, nell’ultimo Batman di Christopher Nolan.

L’ultimo capitolo della trilogia, “Il cavaliere oscuro – Il ritorno”, uscirà nelle sale italiane il 29 agosto, anche se ha già fatto molto parlare di sé per la strage di Aurora, in Colorado, commessa proprio durante la proiezione del film.

Dopo Batman Begins e Il Cavaliere Oscuro, in queste due ore e 42 minuti l’orfano Bruce Wayne si ritrova a dover proteggere la propria città, una Gotham City chiaramente ispirata a Manhattan. “Nel primo film si vedono la tragedia e il dolore che hanno animato questo giovane uomo nella ricerca di se stesso e del suo destino – ha spiegato Christian Bale nel raccontare questo terzo capitolo. – Oltre che della comprensione delle sue capacità e delle sue potenzialità. Nel secondo film Bruce Wayne ha scoperto il suo cammino e ha trovato un modo di essere utile. Fa la cosa che pensa sia meglio per lui e che pensa definisca la sua esistenza. Ora, dopo otto anni, ha perso l’unica cosa che dava un senso alla sua vita, fino a quando non si troverà costretto ad affrontare una nuova minaccia per la sua città”.

Il film racconta di una Gotham City ormai liberata dal crimine organizzato che si trova ad affrontare un nemico feroce e apparentemente motivato solo da ragioni economiche. La minaccia invece sarà ben più grave e cela le sue origini nella storia stessa di Batman e delle sue origini, e che mai come in questo film si troverà messo alle strette.

Batman, super eroe senza super poteri, si avvarrà dell’aiuto di tre figure chiave, ricorrenti nella trilogia, come quelle interpretate da Morgan Freeman, Gary Oldman e Michael Caine, e anche di un nuovo personaggio, interpretato da Anne Hathaway, Selina Kyle, meglio nota nel mondo dei fumetti come Catwoman, in un’alleanza che riserverà diverse sorprese.

Bane, interpretato da Tom Hardy sarà questa volta l’avversario di Batman, ruolo che nello scorso film fu il compianto Heath Ledger nei panni di Joker, che gli valsero un Oscar postumo. Questo tragico fatto, oltre alla strage di Denver e la morte di uno stunt-man sul set hanno fatto parlare di una sorta di ‘maledizione di Batman’.

Una maledizione che però fino ad oggi ha fatto incassare solo all’ultimo episodio 354 milioni di dollari.