Cannes, Palma d’Oro a Kore-Eda. Italia premiata con Marcello Fonte e Rohrwacher

di redazione Blitz
Pubblicato il 19 maggio 2018 21:12 | Ultimo aggiornamento: 19 maggio 2018 21:12
Cannes, Palma d'Oro a Kore-Eda. Italia premiata con Marcello Fonte e Rohrwacher 02

Marcello Fonte

CANNES – Va al regista giapponese Hirokazu Kore-Eda la Palma d’oro del festival di Cannes 2018, per il film “Shoplifters” (“Un affare di famiglia”). Ma la 71/a edizione del concorso cinematografico ha dato grandi soddisfazioni anche all’Italia [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] con il premio come migliore attore a Marcello Fonte per Dogman di Matteo Garrone e la migliore sceneggiatura ad Alice Rohrwacher e il suo “Lazzaro felice”.

”Da piccolo quando ero a casa mia e pioveva solo le lamiere chiudevo gli occhi e mi sembrava di sentire gli applausi adesso è vero ed è come essere in famiglia”, ha detto Marcello Fonte che ha preso il premio da Roberto Benigni. ”Il cinema è la mia famiglia – ha aggiunto emozionatissimo – ogni granello della sabbia di Cannes è una meraviglia. Grazie a Matteo che si è fidato che ha avuto il coraggio…”.

Premiata anche per la migliore sceneggiatura, ex aequo con Jafar Panahi per Three Faces, Alice Roharwacher: “Grazie a questa incredibile giuria – ha detto, ritirando il premio la regista e sceneggiatrice – e a tutti quelli che hanno reso possibile questo film e che hanno creduto in questa sceneggiatura un po’ bislacca”.

Il premio per la migliore attrice del concorso va a Samal Yeslyamova per di AIKA (My Little one) di Sergei Dvortesevoy.

Il premio per la migliore regia va a per il film Zimna Wojna di Pavel Pawlikowski.

Una palma d’oro speciale è stata assegnata a Le Livre d’image di Jean Luc Godard.

Il premio della Giuria nel concorso del 71/mo festival di Cannes va al film Capharnaum di Nadine Labaki.

Il Grand Prix del 71/mo festival di Cannes va a Spike Lee per Blackkklansman.

“Un affare di famiglia” di Hirokazu Kore-eda vince la Palma d’oro del 71/mo festival di Cannes.

E’ stato un festival in rosa, per la presenza di una giuria in maggioranza femminile e presieduta da una donna, l’attrice Cate Blanchett. Incursione in scena anche di Asia Argento, protagonista del movimento #metoo, che dal palco del Festival dice: “Nel ’97 fui stuprata proprio qui a Cannes da Weinstein, avevo 22 anni e ebbi una premonizione che mai un Weinstein avrebbe avuto futuro. Dobbiamo aiutarci perché non accada mai più un tale comportamento indegno”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other