Martin Scorsese gira alla Sorbona di Parigi il suo nuovo film in 3D

Pubblicato il 17 agosto 2010 16:00 | Ultimo aggiornamento: 17 agosto 2010 16:29

Cominciate a fine giugno le riprese del nuovo film di Martin Scorsese, “The invention of Hugo Cabret”, in 3D, proseguono da lunedì a Parigi, all’interno della prestigiosa università, la Sorbonne, e tutto il quartiere tra la piazza del Pantheon e la rue des Ecoles è affollato di curiosi che tentano di intravedere il regista e gli attori, ma si devono accontentare dei figuranti, uomini con sottili baffetti in smoking, donne in veletta, alla moda degli anni ’30.

E’ ambientato infatti in quegli anni il film tratto dall’omonimo romanzo illustrato per ragazzi dell’americano Brian Selznick, che ha ottenuto il premio più prestigioso degli Stati Uniti, il Caldecott. E’ la storia di un orfanello dodicenne (Asa Butterfield), ospitato dallo zio nel ripostiglio di una stazione ferroviaria parigina di cui è incaricato di mantenere in funzione i nove orologi.

Il ragazzo ha un’ossessione: terminare di riparare un automa sul quale lavorava il padre prima di morire nell’incendio del museo dove era impiegato. Hugo è convinto che questo automa abbia un importante messaggio per lui.

Nel cast del film, che dovrebbe uscire a fine 2011, Ben Kingsley nei panni di Georges Melies, pioniere del cinema e inventore di effetti speciali, e Sacha Baron Cohen. Le scenografie sono firmate da Dante Ferretti.