Cloris Leachman è morta: l’attrice premio Oscar aveva 94 anni, fu anche Frau Blucher in Frankenstein Junior

di FIlippo Limoncelli
Pubblicato il 28 Gennaio 2021 10:46 | Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio 2021 10:46
Cloris Leachman morta

Cloris Leachman è morta, l’attrice premio Oscar aveva 94 anni: fu anche Frau Blucher in Frankenstein Junior

È morta Cloris Leachman, l’indimenticabile Frau Blucher in Frankenstein Junior di Mel Brooks. L’attrice aveva 94 anni.

“Mia madre ha avuto una vita così bella, dall’inizio alla fine, che si potrebbe augurarla a qualcun. Ha lasciato tutti con tanto amore” ha detto il figlio al sito Tmz. 

La carriera di Cloris Leachman: da Miss America all’Oscar

Classe 1926, Cloris Leachman nasce a Des Moine nell’Iowa, da una famiglia di origini inglesi. Inserita nella Television Academy Hall of Fame nel 2011, nella sua lunga carriera ha ottenuto 22 nomination agli Emmy, vincendone ben otto, sei per Mary Tyler Moore, e due di recente per il ruolo di nonna Ida in Malcom in the Middle. Nel 1971 ha vinto anche un Oscar come Miglior attrice non protagonista per L’ultimo spettacolo di Peter Bogdanovich.

A 20 anni è in lizza per il titolo di Miss America dopo essere stata eletta Miss Chicago. L’esordio sul grande schermo avviene nel 1955 in ‘Un bacio e una pistola’, un noir di Robert Aldrich in cui interpreta il ruolo di una femme fatale. L’attrice si è da subito distinta in alcuni ruoli in serie tv brillanti, trovando il grande successo con la sitcom “Mary Tyler Moore Show”. Il suo personaggio di Phyllis Lindstrooom, così esilarante con i suoi tratti egoisti e presuntuosi, ottenne un tale successo da meritare uno spin off tutto suo, “Phyllis”, andato in onda tra il 1975 e il 1977 negli Usa e arrivato anche da noi nei primi anni 80.

Recita diverse volte accanto a Paul Newman (in ‘Supplizio’ del 1956, ‘Butch Cassidy’ de 1969 e ‘Un uomo oggi’ del 1970). Dopo l’Oscar vinto nel 1971 con “L’ultimo spettacolo” di Peter Bogdanovich, ha lavorato in numerosissimi film, come “Alta tensione” (1977) e “La pazza storia del mondo” (1981).