Elena Sofia Ricci: “Sono stata violentata a 12 anni da un amico di famiglia”

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 gennaio 2019 14:15 | Ultimo aggiornamento: 7 gennaio 2019 14:15
Elena Sofia Ricci: "Sono stata violentata a 12 anni da un amico di famiglia"

Elena Sofia Ricci: “Sono stata violentata a 12 anni da un amico di famiglia”

MILANO – “Ora che mia mamma è venuta a mancare posso parlare liberamente”. Comincia così il racconto drammatico di Elena Sofia Ricci che al quotidiano Libero confessa un inquietante segreto sepolto nel suo passato. “A 12 anni – rivela – sono stata violentata”.

L’attrice, che recentemente ha perso la madre e l’amico fraterno Ennio Fantastichini, spiega di aver trovato la forza di parlare proprio in seguito al doloroso lutto che l’ha colpita. “Non l’ho mai dichiarato prima perché purtroppo è stata mia madre a consegnarmi inconsapevolmente nelle mani del mio carnefice, mandandomi in vacanza con un amico di famiglia”. E aggiunge: “Nessuno ha il diritto di esercitare il proprio potere per violentare una donna, adulta o minorenne”.

L’uomo, prosegue la Ricci, è stato poi arrestato perché lei stessa non era l’unica vittima e altre persone lo avevano denunciato. “Purtroppo i casi come il mio sono molti e non tutte riescono a uscirne – spiega – Io stessa non ne sono ancora fuori del tutto: è come avere un imprinting, che non ti scegli ma ti ritrovi addosso”.

L’attrice, che è stata sempre in prima linea per il movimento #metoo e contro gli abusi sulle donne nel mondo dello spettacolo ci ha infine tenuto a chiarire: “Quando una bambina che diventa ragazza è fragile può arrivare a pensare di non meritarsi nulla e che deve vendersi. Non è sempre facile dire di no”.