Evan Rachel Wood: “Io legata, torturata e violentata due volte”

di redazione Blitz
Pubblicato il 2 marzo 2018 7:10 | Ultimo aggiornamento: 2 marzo 2018 9:11
Evan Rachel Wood: "Io legata, torturata e violenta due volte"

Evan Rachel Wood (Foto Ansa)

WASHINGTON – In un toccante intervento al Congresso degli Stati Uniti, l’attrice Evan Rachel Wood ha raccontato di essere stata vittima di due diversi aggressori sessuali: l’ex fidanzato, che per lungo tempo l’ha legata, torturata e violentata e uno sconosciuto che l’ha stuprata sul pavimento di un bar.

Wood ha parlato a Capitol Hill degli effetti del “rapporto tossico e degli abusi mentali, fisici e sessuali” subiti dall’ex partner. La star di Westworld ha parlato davanti alla Commissione sui crimini, il terrorismo, la sicurezza interna e le inchieste, raccontando la sua tragica esperienza per sostenere il Sexual Assault Survivors’ Bill of Rights Act, disegno di legge approvato a livello federale nel 2016.

Wood ha raccontato dell’abuso risalente a 10 anni fa “iniziato lentamente, ma che nel tempo si è intensificato, portando anche a minacce contro la mia vita, manipolazioni, lavaggio del cervello da parte dell’uomo che sosteneva di amarmi. E poi la parte peggiore: rituali malati che prevedevano mani e piedi legati per essere torturata mentalmente e fisicamente finché il mio aggressore fosse convinto del mio amore”, riferisce il Daily Mail.

“Mentre venivo legata, picchiata e insultata, mi sentivo davvero come se potessi morire. Non solo perché lui diceva: “Potrei ucciderti adesso”, ma perché in quel momento sentivo come se avessi abbandonato il mio corpo e avessi paura di scappare. Mi avrebbe trovato”, ha raccontato l’attrice.

Wood ha parlato delle emozioni di “totale vergogna e disperazione” dopo essere stata violentata diverse volte, e ammesso di non stare ancora bene. Un altro uomo l’ha violentata sul pavimento di un bar. “Essere stata abusata dal mio ex fidanzato, ha reso più facile il successivo stupro e non il contrario”.

In seguito alle violenze, le fu diagnosticato un disturbo da stress post-traumatico e ha passato anni a combattere depressione, dipendenza, paure notturne e agorafobia e ancora oggi lotta per “superare le conseguenze” e aggiunto di aver tentato due volte il suicidio. Motivo per cui fu ricoverata in un ospedale psichiatrico che tuttavia ha rappresentato un punto di svolta: per affrontare il trauma ha cercato l’aiuto di un professionista. La Wood, 30 anni, è sostenitrice delle campagne #MeToo e Time’s Up avviate sulla scia dello scandalo sugli abusi sessuali di Hollywood.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other