Harvey Weinstein, Mimi Haleyi accusa: “Avevo il ciclo ma mi violentò nella stanza del figlio”

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 ottobre 2017 6:30 | Ultimo aggiornamento: 25 ottobre 2017 19:45
Harvey-Weinstein-Mimi-Haleyi

Harvey Weinstein, Mimi Haleyi accusa: “Avevo il ciclo ma mi violentò nella stanza del figlio”

LOS ANGELES –  Continuano le accuse di molestie nei confronti di Harvey Weinstein: stavolta a farsi avanti è Mimi Haleyi, che sostiene di essere stata stuprata dal produttore hollywoodiano nel 2006 a New York, nell’appartamento del mogul.

La Haleyi, ex assistente di produzione di Weinstein, ha affermato di essere stata aggredita dopo ripetuti assalti sessuali e relativi rifiuti: gli disse di avere il ciclo mestruale ma lui la spinse nella camera da letto del figlio e la costrinse a subire un rapporto orale.

“Mi teneva ferma sul letto, gli chiedevo di smettere ma era impossibile: era ostinato e fisicamente troppo forte”. A quel punto Weinstein le ha tolto il tampone, secondo il racconto della Haleyi, e lei iniziò a piangere a dirotto. “Ero mortificata e incredula” ha detto la donna nella conferenza stampa tenuta dal suo avvocato Gloria Allred.  “Ricordo che dopo il rapporto orale, Harvey disse: “Non senti che ora siamo molto più vicini?”. Risposi con un “no”.

La Haleyi sostiene di aver incontrato per la prima volta il produttore a Londra alla première del film The Aviator e di averlo rivisto successivamente, sempre nel 2006, al Festival di Cannes. Instaurò un rapporto con Weinstein nella speranza di intraprendere una carriera nel mondo dello spettacolo e lui la esortò ad andarlo a trovare nell’hotel per parlare della situazione lavorativa.

Arrivata all‘Hotel du-Cap Eden Roc la Haleyi sarebbe stata portata nella camera del produttore e lui le avrebbe chiesto un massaggio. La donna avrebbe rifiutato ma lui sarebbe diventato insistente e a quel punto la donna avrebbe capito che “l’incontro non stava andando da nessuna parte e me ne sono andata”.

Rimase quindi scioccata quando Weinstein la chiamò subito dopo per offrirle un lavoro a New York, in un progetto televisivo. Accettò il lavoro e poi incontrò Weinstein al Mercer e in quell’occasione fu assolutamente affascinante, un vero gentleman”.

Poi lo rivide nel suo ufficio, ebbero una conversazione normale, parlarono di lavoro e lui la invitò a Parigi. La Haleyi declinò e oggi dice che fu un errore, la risposta non gli piacque. Una volta tornato a New York da Parigi, il mogul cercò la Haleyi e la invitò nella sua abitazione a Soho dove sarebbe accaduta la presunta aggressione. Dopo Rose McGowan, Asia Argento, Lysette Anthony, Lucia Evans e una modella non identificata, la Haleyi è la settima donna ad aver accusato Weinstein di stupro.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other