India/ Spielberg si allea con Bollywood: la sua Dreamworks girerà in Asia 6 film all’anno

Pubblicato il 18 agosto 2009 15:04 | Ultimo aggiornamento: 18 agosto 2009 15:04

tn2_steven_spielberg_2Si ingrandiscono i Dreamworks Studios di Hollywood. Grazie a un contratto di 825 milioni di dollari con la Reliance Ada Group, casa di
produzione indiana, Steven Spielberg e Stacey Snider apriranno nuovi studios con l’obiettivo di produrvi sei pellicole all’anno. Una parte dei finanziamenti, per il valore di 325 milioni di dollari, arriveranno dalla J.P. Morgan Securities e da altre banche.

Anche la Walt Disney sarà coinvolta: si occuperà del marketing e della distribuzione dei nuovi film al di fuori dell’India, oltre a garantire fondi per 175 milioni di dollari. In questo modo gli studios di Spielberg rilanceranno la loro attività dopo la rottura con la Paramount Pictures, che risale all’ottobre scorso. La nuova Dreamworks, che si è separata dalla gemella Dreamworks Animation nel 2004, prevede di distribuire il suo primo film nel 2010.

Spielberg sta già progettando di portare sul grande schermo la vita del leader dei diritti civili, Martin Luther King e un remake di Harvey, un classico degli anni Cinquanta i cui protagonisti sono James Stewart e il suo migliore amico, un coniglio gigante. La Releance indiana ha motivato la partnership con la casa di produzione americana con l’interesse strategico a far crescere l’attenzione sui loro film a livello globale.