James Bond a Rione Monti: 100€ per risarcire disagi. Ma residenti non gradiscono

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 Marzo 2015 16:20 | Ultimo aggiornamento: 10 Marzo 2015 16:29
James Bond a Rione Monti: 100€ per risarcire disagi. Ma residenti non gradiscono

Daniel Craig (James Bond)

ROMA – James Bond toglie (finalmente) il disturbo e ripaga i residenti del Rione Monti per i disagi: 100 euro a famiglia e altri 100 per ogni attività commerciale di via Panisperna, costretta a chiudere in anticipo per consentire le riprese del film. Ma in molti rifiutano l’offerta preferendo piuttosto la ritinteggiatura della segnaletica da parte della produzione che ha tenuto in ostaggio interi quartieri di Roma in questi giorni.

Le riprese di lunedì sera hanno creato non pochi disagi dopo l’inseguimento sul Lungotevere di qualche giorno fa e quello di domenica sulla via Nomentana, una delle arterie più trafficate della Capitale, chiusa al traffico per consentire alla Aston Martin di James Bond di sfrecciare sul rettilineo vuoto.

Poi lunedì è stata la volta del Rione Monti ma secondo Nathalie Naim, consigliera del I Municipio, lo staff di Sam Mendes (il regista) non avrebbe rispettato i patti:

“Avevo chiesto al responsabile della produzione, visti i disagi al traffico per i residenti, se potessero riparare i paletti rotti da tempo all’incrocio tra via Panisperna e via del Boschetto, come regalo-risarcimento al rione. Oggi arrivo e vedo che con il piccone avevano tolto entrambe le file di parapedonali su via del Boschetto. Mi hanno chiamato residenti e commercianti allarmati dicendomi che sono arrivati e li hanno proprio abbattuti, rovinando anche i sampietrini. Mi è sembrato veramente esagerato. Li hanno tolti tutti e quindici per parcheggiare i camion e le luci per il set, è troppo. Mi hanno assicurato che all’incrocio ci pensano loro, ma sembra che l’impegno a ripristinarli valga solo per i paletti sull’incrocio e non per quelli su via del Boschetto”.

Le foto della Aston Martin che sfreccia su Via Nomentana: