Jerry Calà: “Non faccio più cinema perché dicono che puzzo di morto”

di Redazione blitz
Pubblicato il 23 ottobre 2018 16:44 | Ultimo aggiornamento: 23 ottobre 2018 16:44
Jerry Calà

Jerry Calà: “Non faccio cinema perché mi dicono che puzzo di morto”

ROMA – Una grave denuncia quella di Jerry Calà ai microfoni de I Lunatici su Rai Radio2. L’attore sembra piuttosto emarginato dal cinema moderno attuale. E’ proprio lui a confessarlo.

Jerry Calà nell’intervista si è fermato sul suo nuovo lavoro. Ma pare che la passione dell’attore resti sempre la stessa, il cinema. La nostalgia si fa sentire e come per uno che è stato sempre sulla cresta dell’onda:

“Mi piacerebbe fare più cinema, fortunatamente so fare un mestiere che ho imparato da piccolo. So ballare, cantare, recitare e quindi mi salvo sempre. Però dire che non mi piacerebbe fare ancora cinema mi renderebbe ipocrita. Viviamo in un’Italia che rispetto ad altri Paesi è provinciali. Altrove gli attori che hanno una storia vengono tenuti da conto e coccolati, vengono chiamati per fare delle parti anche come genitori o come nonni”.

L’attore ha aggiunto:

“Qui invece si dice che uno puzza di morto. Per fortuna la gente mi ama, c’è discrasia tra quello che pensano i funzionari e i produttori e quello che pensa la gente. Se la gente non mi volesse bene non farei 120 spettacoli l’anno. In Italia manca il coraggio”.