Lina Wertmüller, Oscar alla carriera per la regista italiana: “Gli americani mi hanno sempre voluto bene”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 giugno 2019 19:03 | Ultimo aggiornamento: 3 giugno 2019 19:18
Lina Wertmüller, Oscar alla carriera per la regista italiana (foto Ansa)

Lina Wertmüller, Oscar alla carriera per la regista italiana (foto Ansa)

ROMA – L’Academy of Motion Picture Arts & Sciences ha annunciato che tra gli Oscar alla carriera assegnati quest’anno c’è anche la statuetta per la regista italiana Lina Wertmüller. Novant’anni, la Wertmüller è stata la prima donna candidata all’Oscar come migliore regista, per il film Pasqualino Settebellezze nella cerimonia del 1977.

“Sono molto grata per la decisione di assegnarmi questo premio – ha detto la regista – Un premio che non mi aspettavo affatto e che per questo è tanto più gradito, mi fa tanto più piacere. Certo gli americani, grazie a Dio, mi hanno sempre voluto bene”

Poche settimane fa, intervistata dal Corriere della Sera, la regista ha ricordato proprio quella nomination: “Alla prima di New York mi chiesero di fare un discorso ma parlavo male l’inglese. Avevo una bella cintura fatta con un calamaio, chiesi come si dicesse cintura. “Do you like my belt?” esordii. Venne giù la sala […] All’inizio tutti mi volevano, feci un contratto con la Warner Bros per quattro film… Il primo film non andò bene. Mi cercò il proprietario di Penthouse per propormi il “Caligola” scritto da Gore Vidal… Rifiutai. All’inizio mi sentivo eroica, poi in taxi mi vennero le lacrime agli occhi”.

5 x 1000

Tra i film più celebri della Wertmüller ci sono Mimì metallurgico ferito nell’onore (1972), Film d’amore e d’anarchia – Ovvero “Stamattina alle 10 in via dei Fiori nella nota casa di tolleranza…” (1973), Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto (1974) e Pasqualino Settebellezze (1976).

Oltre alla regista italiana gli altri tre premiati sono David Lynch, Wes Studi e Geena Davis che verranno presentati ufficialmente il 27 ottobre agli 11/i Annual Governors Awards dell’Academy.

Fonte: Ansa.