Cinema

Lupita Nyong’o disse no a Weinstein. E ha vinto un Oscar

luputa-nyongo-ansa

Lupita Nyong’o quando ha vinto l’Oscar (Foto Ansa)

NEW YORK – Un’altra famosa attrice ha detto di essere stata molestata (a parole), cioè di aver ricevuto avance indesiderate da Harvey Weinstein. A uscire allo scoperto è Lupita Nyong’o, vincitrice del premio oscar nel 2013 per ‘12 anni schiavo‘.

In un editoriale sul New York Times, l’attrice confessa di aver ricevuto avance indesiderate dal produttore in alcune occasioni ma di averlo rifiutato, nonostante un massaggio concesso a Weinstein per guadagnare tempo e districarsi da una situazione difficile. “Ora che ne stiamo parlando, facciamo in modo che non ci sia più silenzio su cose del genere”, “facciamo sì che questo tipo di comportamento non meriti una seconda chance. Io parlo per contribuire alla fine della cospirazione del silenzio”.

“Dovevo trovare un modo – ha raccontato – di uscire da quella difficile situazione”, in cui il produttore insisteva per togliersi i pantaloni. La giovane attrice non ha ceduto e se n’è andata. In un’altra occasione Weinstein le avrebbe suggerito di fare ciò che lui le chiedeva, condizione necessaria – le avrebbe detto – per fare l’attrice a Hollywood. Ma lei non ha ceduto e alla fine ha avuto ragione (mica si vince un Oscar per caso).

To Top