--

Mistero sulla salute di Micheal Douglas: le terapie sembrano funzionare, ma la moglie Cathrine Zeta-Jones é in lacrime

Pubblicato il 10 Ottobre 2010 1:21 | Ultimo aggiornamento: 10 Ottobre 2010 1:21

Michael Douglas tiene duro e continua a mostrarsi combattivo nei confronti del cancro alla gola, diagnosticatogli ad agosto. Per la star di Hollywood, questi saranno gli ultimi giorni di chemioterapia e radioterapia, dopodiché gli ci vorranno almeno sei settimane di riposo per riabilitarsi.

Secondo il suo portavoce, riferisce Entertainment Tonight, i medici sarebbero soddisfatti della reazione del suo corpo alle cure, tanto da non aver programmato per ora ulteriori trattamenti.

Ma le lacrime viste all’aeroporto sul volto della moglie Catherine Zeta-Jones, tornata in anticipo dal Galles a New York, fanno supporre che la situazione non sia così rosea.

Lo conferma la rivista Star Magazine, che descrive così la coppia: «Stanno cercando di essere coraggiosi, ma in realtà si stanno preparando al peggio».

Nonostante tutto, Micheal non ha voluto rinunciare a sfilare sul tappeto rosso per la presentazione del suo ultimo film “Wall Street 2 – Il denaro non dorme mai”.

«Questo film fa parte integralmente della mia vita, ha raccontato l’attore in un’intervista esclusiva al settimanale italiano Oggi,  Gordon Gekko mi ha fatto vincere l’Oscar 23 anni fa e avere la fortuna di potermi calare nuovamente in questo personaggio, stavolta in cerca di redenzione, è significativo visto quello che mi sta succedendo. Ho il cancro. Una nuova battaglia. Ma mio padre mi ha insegnato che le avversità sono lì per farci diventare sempre più forti».

La lotta contro il tumore, per Michael, è stata l’ennesima batosta dopo un lungo periodo nero: il figlio Cameron è finito in prigione per possesso di droga e l’ex moglie Diandra gli ha chiesto metà del cachet del film diretto da Oliver Stone. Al fianco di Michael però c’è sempre la splendida Catherine, motivo che spinge Douglas a dichiarare: «La forza per andare avanti la trovo nella mia famiglia. Nei miei bambini, ai quali ho spiegato esattamente cosa sta succedendo al loro papà. Era necessario che lo sapessero direttamente da me e non dagli altri e si sono dimostrati fantastici».

Michael sarà di nuovo al cinema, prossimamente, con il film “Haywire”, al fianco di Ewan Mc Gregor. Mentre con Matt Damon dovrebbe invece recitare in “Liberace” di Steven Soderbergh. Prima, però, si dedicherà al necessario riposo: «Le terapie stanno funzionando e il tumore si è già rimpicciolito – assicura Douglas – Che Dio ce la mandi buona».