Once Upon a Time in Hollywood: la prima locandina del nuovo film di Tarantino

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 marzo 2019 15:41 | Ultimo aggiornamento: 18 marzo 2019 15:41
Once Upon a Time in Hollywood: la prima locandina del nuovo film di Tarantino

Once Upon a Time in Hollywood: la prima locandina del nuovo film di Tarantino

ROMA – L’attesa dei fan comincia ad assere ripagata. Arriva infatti il primo poster del nuovo film di Quentin Tarantino, Once Upon a Time in Hollywood. Nelle ultime ore era stato annunciato l’arrivo del trailer dell’ultimo lungometraggio del cineasta americano, uno dei film più attesi del 2019. Nella prima locandina ci sono i due protagonisti, ovvero Brad Pitt e Leonardo DiCaprio: le due star statunitensi interpreteranno rispettivamente Cliff Booth e Rick Dalton.

Della trama si conosce ben poco: ambientato a Los Angeles nel 1969, in corrispondenza ai brutali assassini di Charles Manson, un attore e uno stunt-man provano a farsi conoscere all’interno dell’industria televisiva. Il cast è stellare: Leonardo DiCaprio, Brad Pitt, Margot Robbie nel ruolo di Sharon Tate, Al Pacino, Emile Hirsh, Damian Lewis, Bruce Dern, Dakota Fanning, Mike Moh (che sarà Bruce Lee), Rafal Zawierucha (che sarà Roman Polanski). Ci sarà l’ultima apparizione di Luke Perry, recentemente scomparso.

Iil film probabilmente uscirà in sala nei prossimi mesi (a luglio 2019 negli Stati Uniti d’America). Prodotto da Columbia Pictures, Heyday Films e Bona Film Group, il nuovo lungometraggio di Quentin Tarantino vede nel cast anche un fedelissimo del regista, ovvero Michael Madsen. Come riporta Aska News, l’attore ha commentato: “E’ un grande film, sono coinvolti tre studios, con il più grosso budget che Quentin abbia mai avuto. Ci sono attori pazzeschi, come Al Pacino, e ce ne sono alcuni che non recitavano da un po’ e che lui ha coinvolto. E’ un film sugli anni Sessanta, su tante cose che successero in quegli anni: è stato un periodo pazzesco in America. Su Hollywood boulevard sono state ricreate le stesse insegne dei negozi che c’erano nel 1967. Quando passavo lì la notte in macchina, durante le riprese, sembrava di essere nella macchina del tempo”. (Fonte Twitter).