Oscar 2015, tutti i vincitori: trionfo Birdman-Inarritu, perde Boyhood

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 febbraio 2015 8:18 | Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2015 11:11
Oscar 2015, tutti i vincitori: trionfo Birdman-Inarritu, perde Boyhood

Alejandro Inarritu, miglior regista (foto Ansa)

HOLLYWOOD – Birdman vince 4 statuette ed è il trionfatore degli Oscar 2015: il film di Alejandro Inarritu (che è anche miglior regista) ha battuto l’altro grande favorito della vigilia, Boyhood. Il film girato in 12 anni ha beccato solo il premio di Patricia Arquette come migliore attrice non protagonista. Vince anche l’unica italiana in gara, Milena Canonero, che ha curato i costumi per Grand Budapest Hotel, film di Wes Anderson. Miglior attore protagonista è stato Eddie Redmayne con La Teoria del tutto, mentre la miglior attrice è stata Julianne Moore con Still Alice. Ecco l’elenco completo con tutti i vincitori:

  • MIGLIOR FILM: Birdman.
  • MIGLIOR REGIA: “Birdman” Alejandro G. Iñárritu.
  • MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA: Eddie Redmayne in “La Teoria del tutto”.
  • MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA: Julianne Moore in “Still Alice”.
  • MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA: J.K. Simmons in “Whiplash”.
  • MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA: Patricia Arquette in “Boyhood”.
  • MIGLIOR FILM STRANIERO: “Ida” Polonia.
  • MIGLIORE FOTOGRAFIA: “Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)” Emmanuel Lubezki.
  • MIGLIOR MONTAGGIO: “Whiplash” Tom Cross.
  • MIGLIORE SCENEGGIATURA ORIGINALE: “Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)” Written by Alejandro G. Iñárritu, Nicolás Giacobone, Alexander Dinelaris.
  • MIGLIORE SCENEGGIATURA NON ORIGINALE: “The Imitation Game” Written by Graham Moore.
  • MIGLIORI COSTUMI: “Grand Budapest Hotel” Milena Canonero.
  • MIGLIOR TRUCCO E ACCONCIATURA: “Grand Budapest Hotel” Frances Hannon and Mark Coulier.
  • MIGLIOR CORTOMETRAGGIO: “The Phone Call” Mat Kirkby e James Lucas.
  • MIGLIOR CORTOMETRAGGIO DOCUMENTARIO: “Crisis Hotline: Veterans Press 1” Ellen Goosenberg Kent e Dana Perry.
  • MIGLIOR SONORO: “Whiplash” Craig Mann, Ben Wilkins e Thomas Curley.
  • MIGLIOR MONTAGGIO SONORO: “American Sniper” Alan Robert Murray e Bub Asman.
  • MIGLIORI EFFETTI VISIVI: “Interstellar” Paul Franklin, Andrew Lockley, Ian Hunter e Scott Fisher.
  • MIGLIOR CORTOMETRAGGIO D’ANIMAZIONE: “Feast” Patrick Osborne e Kristina Reed.
  • MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE: “Big Hero 6” Don Hall, Chris Williams e Roy Conli.
  • MIGLIOR SCENOGRAFIA: “Grand Budapest Hotel” Production Design: Adam Stockhausen; Set Decoration: Anna Pinnock.
  • MIGLIOR DOCUMENTARIO: “CitizenFour” Laura Poitras, Mathilde Bonnefoy e Dirk Wilutzky.
  • MIGLIORE CANZONE: “Glory” da “Selma” / Musica e testo di John Stephens e Lonnie Lynn.
  • MIGLIORE COLONNA SONORA: “Grand Budapest Hotel” Alexandre Desplat.