Salonicco, spalle nude di Laetitia Casta nella ex moschea irritano i musulmani

di redazione Blitz
Pubblicato il 21 Ottobre 2013 15:02 | Ultimo aggiornamento: 21 Ottobre 2013 15:24
una immagine del video scandalo dellattrice francese Laetitia Casta proiettato nella ex moschea di Salonicco

Una immagine del video scandalo dell’attrice francese Laetitia Casta proiettato nella ex moschea di Salonicco

SALONICCO – Sono bastate le spalle nude di Laetitia Casta proiettate sulla parete di un’antica moschea sconsacrata a irritare la comunità musulmana di Salonicco. La proiezione del controverso video in una ex moschea, nell’ambito della Biennale d’Arte che si tiene in questa città della Grecia settentrionale, ha suscitato un’aspra polemica perché giudicato “erotico”: le immagini suggeriscono che l’interprete femminile sia nuda e tanto è bastato a far rimuovere il video dalla mostra.

Nonostante la moschea di Alaca Imaret (nota pure come Ishak Pasha, risalente al XV secolo), non sia più un luogo di culto da quasi 100 anni, alcuni esponenti dell’Associazione islamica per l’Istruzione e la Cultura della Macedonia orientale e la Tracia hanno espresso una dura protesta dopo che il filmato del regista francese Ange Leccia, intitolato ‘Nimfea’ e interpretato dall’attrice e modella Laetitia Casta, è stato proiettato su una parete dell’antico tempio musulmano.

Nel video l’attrice francese, della quale si vedono solo le spalle nude, interpreta un’ondina che nuota tranquillamente nelle acque di un fiume. L’Associazione islamica ha protestato per la proiezione del video, a suo dire “sconveniente”, anche con il sindaco di Salonicco, Yiannis Butaris, il quale ha chiesto ai responsabili della Biennale di trasferirne altrove la proiezione anche in considerazione del fatto che molti turisti turchi arrivati la settimana scorsa a Salonicco per trascorrervi la festività religiosa dell’Eid al-Adha si sono irritati dopo aver visitato la moschea.