Scarlett Johansson interpreta un trans. Attori la criticano: ecco il motivo

di redazione Blitz
Pubblicato il 5 luglio 2018 20:09 | Ultimo aggiornamento: 5 luglio 2018 20:09
Scarlett Johansson interpreta un trans. Attori la criticano: ecco il motivo

Scarlett Johansson interpreta un trans. Attori la criticano: ecco il motivo (Foto Ansa)

NEW YORK  –  L’attrice americana Scarlett Johansson interpreta un gangster trans e viene travolta dalle polemiche.[App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Nel film Rub and Tug l’attrice di Black Dahlia interpreta Dante Tex Gill, donna alla nascita, boss del crimine degli anni Sessanta a Pittsburgh che ha vissuto l’ultima parte della sua vita come un uomo.

Diretto da Rupert Sanders di Ghost in the Shell, il film ha suscitato polemiche nella comunità trans, che si è chiesta come mai non sia stato preso in considerazione proprio un trans per il ruolo.

Alla richiesta di un commento, un portavoce della diva ha peggiorato le cose: “Ditegli che possono parlare con Jeffrey Tambor, Jared Leto e Felicity Huffman”, è stato il messaggio che elencava altre star di Hollywood “cisgender” (che si identificano nel genere in cui sono nate) a cui sono state affidate parti di trans.

Nota per il suo lavoro nella serie Transparent, Trace Lysett ha usato twitter per sfogare la sua rabbia: “Non sarei così adirata se mi fossi mai trovata in competizione con Jennifer Lawrence o Scarlett Johansson per un ruolo ‘cis’. Sappiamo che non è successo. Voi potete continuare a interpretare noi ma noi non voi?”. E sempre Trace ha accusato il sistema del cinema: “Non solo ci rubate la nostra storia, ma vi date pacche sulle spalle e vincete trofei scimmiottando quello che abbiamo vissuto”.

Anche Jamie Clayton di Sense8 e Neon Demon ha protestato sulla stessa linea: “Gli attori trans non hanno provini se non per ruoli di personaggi trans”. Non ha aiutato l’iniziale descrizione del personaggio interpretato dalla Johannson come una “donna che voleva essere conosciuta come uomo”.

Mr. Gill, che gestiva una rete di locali per massaggi collegati alla prostituzione, “aveva avviato il processo per il cambio di sesso”, si legge nel necrologio pubblicato alla morte del gangster nel 2003. Non è la prima volta che la Johansson viene criticata per una parte che avrebbe potuto esser affidata a un membro di una minoranza. “Fa il trans perché il suo ultimo obiettivo di carriera è interpretare la parte di ciascun gruppo marginalizzato dalla società”, ha polemizzato un utente di Twitter ricordando quando l’attrice si fece gli occhi a mandorla per il ruolo dell’iconica eroina giapponese Motoko Kusanagi in Ghost in the Shell.