La storia segreta di Hollywood, il documentario di Scotty Bowers

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 luglio 2018 6:37 | Ultimo aggiornamento: 26 luglio 2018 17:44
La storia segreta di Hollywood, il documentario di Scotty Bowers

La storia segreta di Hollywood, il documentario di Scotty Bowers

ROMA – Vizi e peccati della vecchia Hollywood [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] rivelati in documentario da Scotty Bowers, ex marine a gigolò e organizzatore di eventi caldi per attori e attrici, da Cary Grant ad Ava Gardner, solo per citarne alcuni, ma con tutti ha fatto sesso a tre.
Il documentario “Scotty and the Secret History of Hollywood”, ripercorre la vita nella mecca del cinema alquanto movimentata di Bowers, oggi 95enne, il regista Matt Tyrnauer segue Scotty attraverso i ricordi e nelle case che possiede intorno a Los Angeles, in una delle quali vive con la moglie Lois, sposata 35 anni fa.
La storia hot hollywoodiana di Bowers ebbe inizio in una stazione di servizio su Hollywood Boulevard, l’ex benzinaio incontrò l’attore Walter Pidgeon che gli propose venti dollari per un servizio extra: da quel giorno si sparse la voce e iniziò a frequentare divi e dive dell’epoca. Bowers racconta di essere andato a letto, o procacciato incontri a seconda delle inclinazioni dei clienti, per moltissime star a partire dagli anni ’40: da Lana Turner e Ava Gardner a Cary Grant e Randolph Scott, persino Wallis Simpson ed Edoardo VIII.
Sostiene di aver procurato in 39 anni, incontri con 150 donne a Katherine Hepburn, da lui etichettata come lesbica non dichiarata il cui rapporto con Spencer Tracy era solo di facciata e insiste che anche l’attore fosse gay e ci sia andato a letto, scrive il Daily Mail.
Scotty, racconta con entusiasmo i ricordi del periodo d’oro a Hollywood, mostra vecchie foto e dice di aver scritto il libro sui segreti e vizi delle star citate nei suoi racconti, quando ormai erano tutte decedute, per esser certo di non ferirle.
“Tante persone hanno detto che il momento più bello della loro vita è stato al distributore di benzina. Per questo sto bene, ne ho reso felici molte”
Alla domanda sulla sua sessualità, risponde: “Sono tutto”.
Scotty è cresciuto in una fattoria dell’Illinois con un fratello maggiore e una sorella minore, e la sua esperienza sessuale è iniziata da adolescente con un vicino di casa sposato, dice nel documentario, ricordando l’esperienza come una “stron*ata” e non come un abuso sessuale, e di non averlo mai raccontato a nessuno.
Quando i genitori di Scotty hanno divorziato, e si è trasferito a Chicago, ha iniziato ad avere rapporti sessuali con i preti per denaro e facendo imbrogli. In seguito ha combattuto per tre anni all’estero con i Marines come paracadutista nella seconda guerra mondiale, prima  di congedarsi nel 1945.
“Molti sono tornati a casa ma io sono andato a Hollywood”.

Ha iniziato a lavorare come benzinaio sulla Hollywood Boulevard all’età di 23 anni, e quasi immediatamente, il nuovo ruolo di gigolò è decollato. L’attore Walter Pidgeon lo invitò a casa, dove ebbero un rapporto sessuale e attraverso lui entrò nel mondo delle star, dei produttori procacciando uomini o donne in base ai desideri e preferenze sessuali.

La lista è infinita: Cary Grant, J. Edgar Hoover, May Davis, Laurence Olivier, Rock Hudson “li ho coinvolti negli incontri o partecipato personalmente”. afferma con orgoglio Scotty.
Ma Bowers sostiene di aver aiutato anche un altra coppia estranea a Hollywood: Edoardo VIII e Wallis Simpson a cui il fotografo Cecile Beaton aveva raccomandato i servizi dell’ex benzinaio.
Sostiene che al duca piaceva “guardare ragazzi e ragazze mentre facevano sesso” non disdegnava le orge.
Bowers smise la professione negli anni ’80, quando molti suoi conoscenti morirono di AIDS, tra cui la star Rock Hudson.