Venezia 2018, Luciano Silighini Garagnani con la t-shirt “Weinstein è innocente” FOTO

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 Settembre 2018 11:53 | Ultimo aggiornamento: 3 Settembre 2018 11:53
Venezia 2018, Luciano Silighini Garagnani con la t-shirt "Weinstein è innocente" FOTO

Venezia 2018, Luciano Silighini Garagnani con la t-shirt “Weinstein è innocente” FOTO (foto Ansa)

VENEZIA – Polemiche alla Mostra internazionale del cinema di Venezia per la t-shirt indossata dal produttore e regista italiano Luciano Silighini Garagnani, che ha fatto irruzione sul red carpet del film Suspiria, [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] remake diretto da Luca Guadagnino, sfoggiando sotto la giacca nera una maglietta con la scritta “Weinstein è innocente”.

La singolare manifestazione è avvenuta sabato primo settembre. Silighini Garagnani ha fatto irruzione sul tappeto rosso senza che la security riuscisse a fermarlo. Il gesto di Garagnani ha subito attirato l’attenzione di tutti i giornalisti presenti e ha fatto in breve il giro del mondo.

Il produttore probabilmente aveva calcolato anche il momento in cui apparire sul red carpet: durante il tappeto rosso di Suspiria, remake dell’omonimo film di Dario Argento, padre di Asia Argento, prima accusatrice dell’ex produttore americano Harvey Weinstein.

Insieme a Garagnani c’era l’attore Paolo Riva, che sarà protagonista del suo prossimo film, nel quale interpreterà Silvio Berlusconi. Secondo testate come The Hollywood Reporter il gesto sarebbe solo una trovata pubblicitaria per sostenere i progetti cinematografici dei protagonisti.

In ogni caso la t-shirt ha messo in imbarazzo l’organizzazione del Festival, già tacciato di scarsa attenzione nei confronti delle donne, tanto da dover correre ai riparti siglando un accordo per introdurre alcune misure volte a promuovere una maggiore parità di genere nelle prossime edizioni della kermesse.

(Foto Ansa)